RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Coliche del neonato, che fare"

Mio figlio ha un mese e da una settimana circa sono costretta a dargli tutte le sere cimetropio bromuro, ma ho paura che gli faccia male: che controindicazioni ha nei neonati? Ho provato con i fermenti lattici, ma rigurgita spesso. Preciso che assume latte artificiale; la mattina sta benissimo ma la sera inizia a urlare. Ho provato massaggini, ma niente: che fare?

Le coliche sono un problema più comportamentale che organico. In effetti il piccolo sta bene, è in perfetta salute, mangia e cresce in modo adeguato. A un orario fatidico, sempre lo stesso, inizia a piangere in modo inconsolabile, poi si calma, magari dopo ore, in modo altrettanto inspiegabile. Queste sono definite coliche, ma in realtà nessuno ha mai dimostrato che il problema sia l'aria nel pancino: quando un neonato piange l'addome si distende molto, ingoia aria e si ha la sensazione che sia questa a disturbarlo. Ma è una causa o un effetto del pianto? Se lei trova beneficio dai farmaci che le hanno prescritto, continui a somministrarli come ha detto il suo pediatra. Se le pare che non siamo di aiuto alcuno, li sospenda e ricorra solo alle manovre "di contenimento": massaggi, cullarlo dolcemente, contatto "pelle a pelle". Presso molti consultori di zona e i punti nascita negli ospedali vengono organizzati corsi di massaggio del neonato e del lattante. Il massaggio ha un effetto rilassante e benefico sulle coliche.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su