Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Clamidia negativa al test sul maschio"

Ho fatto un tampone dove sono risultata positiva alla clamidia. Qualche settimana prima il mio compagno lo aveva fatto perché aveva dei fastidi, ma a lui il test è negativo. Ora, ovunque leggo che è a trasmissione sessuale, e siccome non ho avuto altri partner, immagino che me l'abbia passata lui. Ma com'è possibile che lui risulti negativo al test? Non posso averla presa da sola.

È vero che la Clamidia è un germe a tipica trasmissione sessuale. Su questo non sembrano esserci dubbi. Purtroppo però gli esami non possono sempre essere sicuri al 100 % per quanto riguarda la Clamidia, peraltro se il prelievo nel maschio non viene eseguito dentro l’uretra e valutato con apposite tecniche è molto facile che risulti negativo anche se in sede intrauretrale esso è presente. L’importante è che a scanso di possibili "ping pong" la terapia venga fatta contemporaneamente in ambedue gli elementi della coppia.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su