Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Citomegalovirus nei bimbi piccoli"

Ho una bimba nata in 25 gennaio e da 7 giorni è ricoverata in ospedale perché non mangiava e iniziava a perdere peso. Da esami fatti in ospedale non emerge nessuna patologia, ma il medico che l'ha visitata sospetta che sia affetta da citomegalovirus. Nell'attesa dell'esame volevo sapere che problemi porta e come va curata.

L'infezione da citomegalovirus nel bambino così piccolo ha due possibili origini, connatale, cioè acquisita durante la gravidanza a seguito di un'infezione materna, oppure per trasmissione orizzontale, cioè dall'ambiente circostante. L'andamento e i tempi di guarigione sono molto differenti nei due tipi di infezione. Quella derivante da un contagio orizzontale è in genere benigna e tende alla guarigione spontanea: è sufficiente attuare le cosiddette terapie di supporto, aiutarli nell'alimentazione e nel mantenimento del benessere, magari con una flebo se non mangiano a suffcienza, perchè non perdano troppo peso. Soprattutto non lascia esiti. Diversa è l'infezione connatale, più lunga e con un maggior rischio di complicanze, per cui a volte si sceglie un trattamento antivirale specifico, da praticare durante in corso di ricovero in ospedale. I medici del reparto in cui la sua bambina è ricoverata sapranno sicuramente darle indicazioni su cosa fare e su che tipo di infezione è la sua.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su