Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ciclo mestruale e gravidanza"

Io e il mio ragazzo abbiamo cercato di avere un bambino questo mese ma io ha avuto regolarmente il ciclo mestruale che però ha avuto solo un giorno di flusso e 3 giorni di macchie: è normale un ciclo del genere? Io ho un ciclo regolare con cadenza a ogni 28 giorni, i miei giorni di ovulazione sono il 14°-15°? Il mio ragazzo ha subito un inervento 14 anni fa per l'asportazione di un tumore: è vero che le chemio rallenta lo sperma e quindi per avere un bambino abbiamo bisogno di un aiuto?

Avere un rapporto sessuale in una fase feconda del ciclo ( 14esimo-15esimo giorno del ciclo) non porta obbligatoriamente sempre a una gravidanza. Se così fosse, il problema demografico sarebbe scoppiato secoli fa. Occorre dare spazio al gioco delle probabilità e concedersi qualche mese di tempo. Se una gravidanza sistematicamente cercata non arriva entro un anno è corretto che la coppia si rivolga a specialisti della sterilità. La chemioterapia può anche dare danni alla fertilità, ma bisogna valutare il tipo di farmaco usato, le dosi, quanto tempo è passato dall'ultimo ciclo di chemioterapia, e altri fattori ancora, che è opportuno vengano valutati in un consulto specialistico. La misura più semplice per la valutazione della capacità teorica dello sperma alla fecondazione è la effettuazione di uno spermiogramma.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su