Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ciclo irregolare nei primi anni di mestruazione"

Mia figlia di 11 anni e mezzo ha avuto le prime mestruazioni ad agosto 2012 e da allora, irregolarmente, ogni 23, 19 o 17 giorni. Nei cinque mesi passati il ciclo è tornato otto volte. C'è qualche precauzione alimentare da osservare? È opportuno portarla subito dal medico, o possiamo aspettare ancora, per vedere se il ciclo diventa regolare?

Le mestruazioni dei primi anni possono essere irregolari poiché quasi mai si accompagnano a ovulazione, che si instaura di solito dopo almeno 2-3 anni di fenomeni mestruali. Da quel momento le mestruazioni possono diventare regolari, più dolorose, e associarsi ai tipici fenomeni pre e perimestruali, come tensione addominale, male al seno e altro. Solitamente nella giovane adolescente non è necessario un consulto medico né ginecologico, se la mestruazione non è particolarmente abbondante o particolarmente lunga o se non disturba psicologicamente o fisicamente (ad esempio senso di stanchezza). In questi casi basta, a volte, un semplice colloquio rassicurante. Può essere eventualmente utile un emocromo, che verifichi che non si sia instaurata una condizione di anemia secondaria. Se del caso, esistono comunque semplici terapie per migliorare la situazione.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su