Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Chemioterapia ed effetti negativi sul cuore"

A Marzo di quest'anno mio zio ha cominciato un ciclo di chemioterapia per tumore al fegato, seguito da un secondo, poi sospeso per via di una cardiopatia pregressa. All'Ospedale il primario dice che con dosi più blande si può proseguire la chemio, una sua collega no. Intanto sta seguendo cure cardiologiche e il cardiologo ha detto che ci vuole tempo per vedere i risultati. A causa della sospensione della chemio, si sono prodotte piccole metastasi, intanto. Io trovo inverosimile che la cura di una patologia dipenda da un'altra, nel 2013.

Esiste la possibilità che la chemioterapia danneggi un cuore anche sano sviluppando una cardiomiopatia dilativa e scompenso cardiaco a maggior ragione in una pregressa cardiopatia; da anni si fa sempre un controllo cardiologico con ecocardio prima di iniziare una chemio. Il tipo di patologia al fegato è aggressiva soprattutto se sono metastasi e con i dati abbastanza limitati che mi da, è verosimile che si sia riscontrata una cardiomiopatia dopo chemio per cui l'attegiamento dei curanti sembra consono alle linee guida. Suggerirei una riunione tra cardiologi e oncologi (che avranno già fatto penso) per vedere quale chemio fare. Capisco il suo sconforto espresso con la frase finale, ma purtroppo la chemio che inizia a danneggiare il cuore ha spesso un decorso molto rapido e infasto sul cuore rispetto alla patologia tumorale; inoltre, la risposta alla chemio è spesso personale.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su