Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cardiomiopatia dilatativa, possibili rischi per mamma e bimbo"

Sono portatrice di defibrillatore a causa di una cardiomiopatia dilatativa. Vorrei sapere se un eventuale bimbo potrebbe avere dei problemi.

Se la cardiomiopatia dilatativa è su base ereditaria o genetica, come è circa il 30% delle cardiomiopatie dilatative, il problema va certamente valutato oltre che con il cardiologo anche con un genetista, che può ponderare il rischio di ricorrenza. In quanto ai rischi per la donna gravida, la gravidanza può dare problemi più o meno gravi in relazione con l’entità della disfunzione cardiaca al momento della gravidanza, che va considerata in ogni caso come una gravidanza a rischio e va gestita unitamente da cardiologo e ginecologo.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su