Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Calo drastico del desiderio: saranno i farmaci che assumo?"

Ho 57 anni, da quattro curo un’insufficienza renale cronica autoimmune anche con antipertensivi a protezione del rene. A causa di ansia e depressione, assumo da 2 anni paroxetin e gabapentin. Con la paroxetina ho registrato qualche deficit erettile e da diversi mesi un calo drastico del desiderio. Su consiglio del medico ho fatto esami clinici con i seguenti risulati: LH 2,17 mlU/ml; Prolattina 15,87 ng/mL; testosterone plasm 4,44 ng/mL; testosterone libero: 9,94 pg/mL. Prima di questi problemi, mi ha sempre caratterizzato una libido a volte dirompente alternata a fastidiosi periodi di calma piatta. Cosa mi consiglia?

Le problematiche sessuali che riferisce potrebbero essere attribuibili ad alterazioni ormonali, alla terapia farmacologica che assume e/o a una deflessione dell'umore. Dagli esami che mostra, emergono dei valori ridotti di testosterone totale. Tuttavia sarebbe necessario effettuare anche il dosaggio delle proteine di legame del testosterone (SHBG) così da calcolare la quota di testosterone biodisponibile. Invece, il dosaggio de testosterone libero che ha effettuato è scarsamente attendibile e, pertanto, non deve essere preso in considerazione. Le consiglio di rivolgersi a un medico esperto in medicina della sessualità così che possa prenderla in carico e valutare nell'insieme tutti gli aspetti potenzialmente interferenti con la sua sessualità.


Ha risposto Maggi Mario

Fotomggi

Mario Maggi

Andrologo e sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Firenze, si è specializzato in Endocrinologia nel medesimo Ateneo. Dal 2005, è Direttore S.O.D. Medicina della Sessualità e Andrologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su