RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Calcolo alla colecisti: quando è indicata la chirurgia"

Casualmente, per un controllo ecografico renale per via di alcune coliche, si è eseguita anche una eco della colecisti che ha evidenziato un piccolo calcolo (8,3 mm). L'urologo mi ha detto che la dissoluzione con acidi biliari potrebbe indurre delle coliche e che l'unica soluzione potrebbe essere, nel tempo, una colecistectomia. Vorrei un suo parere in merito.

La dissoluzione dei calcoli con acidi biliari è indicata in pazienti sintomatici, ma con calcoli mobili di colesterolo di piccole dimensioni (< 5 mm) per essere efficace. Difficilmente scioglie calcoli di grosse dimensioni e il rischio di incuneamento in infundibulo o lungo la via biliare con tutte le sue complicanze è molto probabile. Concordo sulla necessità di un intervento chirurgico.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su