Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Calcolo alla colecisti: quando è indicata la chirurgia"

Casualmente, per un controllo ecografico renale per via di alcune coliche, si è eseguita anche una eco della colecisti che ha evidenziato un piccolo calcolo (8,3 mm). L'urologo mi ha detto che la dissoluzione con acidi biliari potrebbe indurre delle coliche e che l'unica soluzione potrebbe essere, nel tempo, una colecistectomia. Vorrei un suo parere in merito.

La dissoluzione dei calcoli con acidi biliari è indicata in pazienti sintomatici, ma con calcoli mobili di colesterolo di piccole dimensioni (< 5 mm) per essere efficace. Difficilmente scioglie calcoli di grosse dimensioni e il rischio di incuneamento in infundibulo o lungo la via biliare con tutte le sue complicanze è molto probabile. Concordo sulla necessità di un intervento chirurgico.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su