Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Calcoli alla colecisti"

Buongiorno sono una donna di 50 anni; 20 anni fa durante un controllo per una caduta mi hanno scoperto i calcoli alla colecisti. Ogni due anni eseguo un’ecografia. I calcoli sono 3 di diam 1,5/3 mm. Ad oggi non mi hanno dato problemi, faccio solo fatica a digerire i fritti che so che non dovrei magiare. Sono un soggetto sportivo, magro, alimentazione corretta. Cosa devo fare? Ho sempre paura di una colica quando sono all’estero . Mi madre era stata operata all’età di 45 anni.

Il fatto che questi calcoli siano presenti da tanto tempo e che non abbiamo la tendenza a crescere in dimensione è sicuramente positivo. La sua difficoltà a digerire i fritti, quindi in generale i cibi grassi, può essere senza alcun dubbio attribuibile alla presenza dei calcoli nella colecisti. La sua paura quando è all'estero direi che deve superarla; la cosa importante è mangiare correttamente e bere almeno 1,5/ 2 litri di acqua ogni giorno e questo dovrebbe ridurre il rischio di "crisi" improvvise. Essendo molto piccoli (se è corretta l'unità di misura millimetri e non centimetri) potrebbe essere valutata una terapia medica per 6-12 mesi per vedere se si risolve il problema. Per questo deve parlarne con il suo medico di famiglia o eventualmente con uno specialista gastroenterologo. In caso dovesse avere crisi dolorose potrebbe effettuare esami di laboratorio relative alla funzione del fegato e del pancreas (chieda al suo dottore di prescriverle questi esami) nei giorni immediatamente successivi; se questi esami risultassero alterati, questo dimostrerebbe inequivocabilmente la correlazione dei suoi disturbi con i calcoli e quindi potrebbe ulteriormente essere consigliata la tetapia medica. Solo in caso di fallimento di questa o se i sintomi fissero davveto molto importanti, la si potrebbe e dovrebbe candidare alla chirurgia come sua madre.


Ha risposto Petruzzellis Carlo

Ss petruzzellis 147x130

Carlo Petruzzellis

Gastroenterologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2005 presso l’Università degli Studi di Messina.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su