Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bolle cutanee e biopsia nel bambino"

Sono padre di un bambino di 8 anni che vive in Germania con la sua mamma. Da circa un mese escono sul dito medio e sul pollice della mano del bambino delle bolle con acqua, e presso la clinica specializzata hanno consigliato di prelevare una parte di tessuto cutaneo intervenendo con anestesia totale. Attraverso analisi del sangue e attraverso test allergici non è risultato nulla e presumono una malattia autoimmune. Quello che trovo strano è l'anestesia totale.

Effettivamente in questo caso, considerando quanto riferito, è necessario un esame istologico da biopsia per un accertamento diagnostico. Data l’età del paziente, l'anestesia totale serve a evitare traumi psicologici che potrebbero comportare conseguenze future: tuttavia ci sono diverse scuole di pensiero in proposito.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su