Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bambini, fino a che punto proteggerli dalle malattie"

È giusto cercare di fare di tutto per tenere il bambino più lontano possibile dalle malattie? Se sì, fino a che età? E quando questo comportamento diventa controproducente per il rafforzamento del sistema immunitario?

Non è giusto né sano far vivere un bambino sotto una campana di vetro. Le malattie lasciano un'immunità, il nostro sistema immunitario si forma anche ammalandosi. Ovviamente, con buon senso: non porterei appositamente nessuno, né bambino né adulto, a contrarre una malattia, per quanto benigna. È corretto osservare le norme igieniche di lavaggio delle mani e di cura della persona. Però non dobbiamo diventare eccessivamente fobici: il contatto con altri umani comporta sempre il rischio di trasmissione di qualche malattia contagiosa. L'isolamento, però, ha effetti ancora peggiori sul nostro equilibrio. L'eccesso di sterilizzazione degli ambienti domestici non ha un reale beneficio. Una cosa è lavarsi le mani prima di manipolare il cibo, altro è pensare di vivere in una sala operatoria. Non c'è un'età al di sotto della quale non ci si deve ammalare: i più piccini tendono ad ammalarsi di più perchè non hanno ancora gli anticorpi che, ammalandosi, formeranno e li proteggeranno nelle età successive.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su