Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Arteria ombelicale unica"

Abbiamo ricevuto la liete notizia della gravidanza di mia moglie. Lei (30 anni) ha già avuto 3 aborti spontanei. Abbiamo effettuato qualche settimana fa la morfologica e hanno riscontrato l'arteria ombelicale unica. Volevo chiederle cosa causa questo tipo di anomalia, è una cosa ereditaria? Che rischi corriamo (siamo alla fine dei 6 mesi di gravidanza)? Inoltre, a noi non hanno fatto fare il tri-test ma solo analisi del sangue e urine.

L’arteria ombelicale unica è l’anomalia più frequente del cordone ombelicale ed è presente in una su 100 gravidanze singole e nel 5% di quelle gemellari. Nel 75% dei casi l’arteria ombelicale unica non è legata a nulla di patologico, mentre nel 25% dei casi può essere correlata con qualche anormalità del feto, a livello scheletrico, intestinale, cardiaco o renale. Queste situazioni possono essere svelate o escluse da controlli ecografici di secondo livello, che più spesso riescono a tranquillizzare i genitori. Non si tratta di una anomalia ereditaria, ed eventuali esami come il bi-test o il tri-test probabilmente non avrebbero aggiunto elementi di conoscenza in questo caso, anche se raramente l'arteria ombelicale unica si accompagna a Trisomia 18 (la quale presumibilmente avrebbe evidenziato alcune anomalie già nelle ecografie più precoci). In alcuni casi sono comunque utili un'amniocentesi tardiva e un ecocardiogramma fetale. Come detto, per fortuna la gran maggioranza delle gravidanze evolve e finisce bene.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su