Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Anemia e tachicardia"

Mi è stata diagnosticata anemia sideropenica lieve causata da metrorragie, in cura con ferro, folati, vitamina B e pillola. Prima di iniziare la cura, ho avuto sensazioni di svenimenti, tachicardia, nausea, capogiri ecc. e al pronto soccorso hano evidenziato battito cardiaco 100 al minuto, ecg nella norma, solo con soffio, tachicardia sinusale. La tachicardia sta aumentando. ultimo Holter segnala fino a 128 battiti al minuto (un paio di volte), ma nessun segno di patologia, solo rari battiti ectopici. Tiroide ok. Perdo peso ogni giorno, non dormo a causa della tachicardia. Prendo già alprazolam ma non passa. Non mi viene dato nulla di più. Ho 44 anni e sono esausta!

Anzitutto va curata sicuramente l'anemia che è la causa molto frequente di tachicardia sinusale anche rapida (oltre la febbre). Ne parlerei con il ginecologo per un eventuale intervento o embolizzazione della patologia dell'endometrio.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su