Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Amniocentesi o villocentesi: quando farla"

Mia cognata ha 33 anni e sta provando ad avere un bambino, ha molta paura della villocentesi e dell'amniocentesi e non sa con precisione se la deve fare per forza a quest'età.

Solitamente l’amniocentesi o la villocentesi vengono consigliate dopo i 35 anni, o prima di questa età se vi sono particolari razionali (genetica, malformazioni, uso di farmaci, figli precedenti con particolari problemi ecc.), ovvero se un test predittivo è risultato positivo (bitest o presenza di qualche soft marker o altro). Peraltro, se nella gran parte dei casi i due esami sono sovrapponibili, vi sono alcune situazioni in cui l’uno va preferito all’altro. La paura non è una buona consigliera, è preferibile dunque che il counselling sulla scelta di fare o meno l’esame venga fatto dal ginecologo o dal genetista.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su