Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Amniocentesi o villocentesi: quando farla"

Mia cognata ha 33 anni e sta provando ad avere un bambino, ha molta paura della villocentesi e dell'amniocentesi e non sa con precisione se la deve fare per forza a quest'età.

Solitamente l’amniocentesi o la villocentesi vengono consigliate dopo i 35 anni, o prima di questa età se vi sono particolari razionali (genetica, malformazioni, uso di farmaci, figli precedenti con particolari problemi ecc.), ovvero se un test predittivo è risultato positivo (bitest o presenza di qualche soft marker o altro). Peraltro, se nella gran parte dei casi i due esami sono sovrapponibili, vi sono alcune situazioni in cui l’uno va preferito all’altro. La paura non è una buona consigliera, è preferibile dunque che il counselling sulla scelta di fare o meno l’esame venga fatto dal ginecologo o dal genetista.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su