Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Allergia agli assorbenti"

Ho 22 anni, da poco ho scoperto di soffrire di dermatite da contatto e sono diventata allergica a qualsiasi tipo di assorbente intimo. Detto ció, ogni volta che ho rapporti con il mio ragazzo (protetti e non) dopo avverto un forte fastidio e mi si irrita la zona intorno all'apertura vaginale; come faccio per evitare tutto ciò? Che precauzione posso adottare?

Sono piu’ di 3000 le sostanze che possono dare allergia da contatto. Tra queste vi sono profumi , lattice, antibiotici, cosmetici, calzature, coloranti di vario tipo, cemento, gioielli. Se si riesce ad individuare la causa con appositi test, la soluzione è evitare la sostanza allergizzante. Ciò risulta però spesso molto difficile. In questi casi il ricorso al dermatologo permetterà di affrontare al meglio il problema (creme ed altri consigli). Per quanto riguarda i rapporti sessuali e i disturbi conseguenti può essere utile evitare nel modo più assoluto il preservativo in lattice e ricorrere al preservativo di poliuretano, un materiale plastico difficilmente allergizzante. Se del caso può essere utile associare l’uso di un gel a base di acqua per ridurre l’attrito. Per quanto riguarda gli assorbenti intimi può essere di un qualche giovamento utilizzare quelli di puro cotone. Ma vanno utilizzati sempre e solo quando siano indispensabili. Inoltre vanno utilizzate esclusivamente mutandine di cotone e bianche, poiché anche i coloranti sono allergizzanti. Vanno evitati calzoni stretti, e sarebbero preferibili le gonne. Infine appena possibile la zona intima va lasciata scoperta ed il più possibile all’aria (no mutandini, no assorbenti).


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su