Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Allergia ad aspergillus che non risponde ai farmaci"

Sono una donna di 52 anni. Da circa un anno e mezzo ho asma allergico ad aspergillus fumigatus oltre che al gatto. Mi curano con cortisone tramite puff e spray nasale due volte al giorno. Da ormai 2 settimane nonostante le dosi raddoppiate di entrambi i medicinali e nonostante usi una mascherina protettiva non riesco a stare bene; costrizione al petto, fatica a respirare sia con naso che con bocca, fame d'aria, ostruzione nasale, rinite, prurito agli occhi, disturbi del sonno fino ad arrivare ad avere il sibilo proprio dell'asma. Il medico mi dice che è normale questo è il periodo della "fioritura" dell'aspergillus: non mi resta che stare male per i prossimi 2 mesi finchè non si abbassa la temperatura?

Il suo caso richiede qualche approfondimento ulteriore. In primis richiederei una lastra torace per valutare se l'Aspergillus ha prodotto qualche lesione al polmone, a seguire delle prove di funzionalità respiratorie per inquadrare il suo asma. Eseguire delle IgE specifiche (Rast) inalanti può aiutare nel completare il suo iter diagnostico. La prevenzione ambientale per acari e pelo di animali (se in casa ci sono gatti) può migliorare la sua condizione. Alla luce delle indagini e di una visita medica è possibile poi rimodulare la sua terapia per ottenere un miglior controllo della sua sintomatologia.


Ha risposto D'Agostino Marco

Dagostino

Marco D'Agostino

Allergologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1995, è dal 1999 specialista in Allergologia e Immunologia Clinica e, dal 2007, in Igiene e Medicina Preventiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su