Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Allergia a nichel e formaldeide"

Da bambina sono risultata allergica alla parietaria e ho eseguito il vaccino per tre anni e diciamo che sono guarita da questo problema. Da circa un'anno, ora ho 30 anni, ho un problema agli occhi: mi si arrossano esternamente sulla palbebra superiore ed inferiore, alcune volte si gonfiano. Dopo molti esami ho eseguito il patch test: risultato positivo a formaldeide(++) e nichel (+) e mi hanno prescritto l'antistaminico. Vorrei maggiori informazioni su questi allergeni e quali sono i comportamenti da evitare e se bisogna stare attenti anche all'alimentazione e in quali alimenti sono contenuti.

Verifichi innanzitutto se esiste una relazione causa-effetto tra sensibilizzazione al nichel-formaldeide e dermatite perioculare, ovvero se usa prodotti per il viso (creme, trucchi, matite) che contengono tali sostanze. Ripeta se non ha ancora fatto, il prick test inalanti per valutare nuove sensibilizzazioni (acaro?). Verifichi se nella sua attività lavorativa non ci sia traccia di formaldeide/nichel nei prodotti che usa. Il nichel è praticamente ubiquitario ed è contenuto nei metalli in uso quotidiano: orecchini, fermacapelli, bracciali, orologi, clip, ferretti ecc. La formaldeide è utilizzati sia in prodotti ad uso medico (disinfettanti) ia in preparati cosmetici (shampoo, dentifrici, oli da bagno...). Legga sempre attentamente le etichette dei prodotti che usa. Il discorso nichel e alimenti è molto controverso e limitato a casi specifici e ben selezionati, la sua dermatite per la mia esperienza non migliorerà con la sola dieta povera di nichel.


Ha risposto D'Agostino Marco

Dagostino

Marco D'Agostino

Allergologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1995, è dal 1999 specialista in Allergologia e Immunologia Clinica e, dal 2007, in Igiene e Medicina Preventiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su