Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Aerosol con bicarbonato: nessun danno"

Pochi giorni fa per curare un raffreddore a mio figlio di 6 anni ho fatto aerosol - e non suffumigi - con fisiologica e la punta di un cucchiaino da té di bicarbonato. Il giorno dopo documentadomi su internet ho letto di possibili danni ai bronchi e polmoni per quanto eseguito con polveri concentrate di bicarbonato, di alcalosi metabolica, pleurite, edema polmonare ecc. Sono molto preoccupato: posso aver compromesso l'apparato respiratorio e in generale lo stato di salute di mio figlio?

Il bicarbonato ha proprietà antisettiche e calmanti, per questo viene usato per le inalazioni o suffumigi da molto tempo. L'aerosol, eseguito con l'apposito apparecchio, è ugualmente una terapia inalante, con la differenza che la dispersione delle molecole di farmaco nel gas inalato è resa omogenea dall'apparecchio. È utile in genere per molecole più grosse, la cui dispersione e omogeneizzazione sarebbe altrimenti difficile. Per il bicarbonato, molecola di piccole dimensioni e ben solubile in acqua, non è necessario l'aerosol, bastano i suffumigi. Non ha arrecato alcun danno a suo figlio, né a breve né a lungo termine.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su