Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Aerosol con bicarbonato: nessun danno"

Pochi giorni fa per curare un raffreddore a mio figlio di 6 anni ho fatto aerosol - e non suffumigi - con fisiologica e la punta di un cucchiaino da té di bicarbonato. Il giorno dopo documentadomi su internet ho letto di possibili danni ai bronchi e polmoni per quanto eseguito con polveri concentrate di bicarbonato, di alcalosi metabolica, pleurite, edema polmonare ecc. Sono molto preoccupato: posso aver compromesso l'apparato respiratorio e in generale lo stato di salute di mio figlio?

Il bicarbonato ha proprietà antisettiche e calmanti, per questo viene usato per le inalazioni o suffumigi da molto tempo. L'aerosol, eseguito con l'apposito apparecchio, è ugualmente una terapia inalante, con la differenza che la dispersione delle molecole di farmaco nel gas inalato è resa omogenea dall'apparecchio. È utile in genere per molecole più grosse, la cui dispersione e omogeneizzazione sarebbe altrimenti difficile. Per il bicarbonato, molecola di piccole dimensioni e ben solubile in acqua, non è necessario l'aerosol, bastano i suffumigi. Non ha arrecato alcun danno a suo figlio, né a breve né a lungo termine.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su