Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Acidosi: conseguenze"

Desidero chiedere se l'acidosi è effettivamente la base per ogni disturbo e se bere e mangiare alcalino può contrastarla.

Lei pone una questione molto delicata. L’acidosi è una condizione in cui il pH del sangue si riduce e se questa riduzione è di elevata entità e di rapida insorgenza può mettere in pericolo la vita del paziente. Detto questo, va ricordato che la dieta occidentale, ricca di proteine animali e grassi e ad alto contenuto di sodio, determina una tendenza verso una condizione di acidosi cronica latente (senza rischi per la vita) che a lungo andare può determinare una progressiva demineralizzazione ossea (passaggio dall’osso al sangue di sostanze in grado di neutralizzare il carico acido). Quindi modificare la dieta in senso meno acidogeno (riducendo l’introito delle proteine animali) può effettivamente migliorare le condizioni generali di salute dell’individuo, in particolare nella menopausa, che come ben sappiamo è una condizione di rischio per la mineralizzazione delle ossa.


Ha risposto Guabello Gregorio

Gaubello1

Gregorio Guabello

Endocrinologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2001, è dal 2006 specialista in Medicina Interna e, dal 2012, in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su