RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A tre anni rifiuta il pasto all'asilo"

Ho un bambino di tre anni che ha iniziato la scuola materna. A casa mangia pochi alimenti e solo quelli. Lui vorrebbe ancora la "pappa" dei bambini piccoli e io a volte lo accontento. Alla scuola materna c'è il grave problema del pranzo: non vuole mangiare e non vuole assaggiare niente. Dopo venti giorni le maestre non sanno più cosa fare. Insisto anche se non mangia o lo porto a casa alle 13 e preparo quello che piace a lui?

Molti bimbi all'inizio di una nuova scuola rifiutano il pasto. Cibi nuovi, sapori nuovi, ambiente nuovo, non succede solo alla materna, anche alle elementari capita spesso. Non credo che le maestre abbiano già gettato la spugna, non sarà certo il primo né l'ultimo a comportarsi così. Alcuni, dopo un po', superano questa fase e mangiano, altri vanno avanti a digiunare a oltranza. Non mi azzardo a prevedere cosa farà suo figlio, ma nemmeno a darle un consiglio: la decisione è sua, di suo marito e il parere migliore è quello delle educatrici. Contano anche altri elementi: pasto a parte, come sta il bambino all'asilo? Va volentieri e si relaziona bene con gli altri bambini? Oppure piange e vive tutto un po' male? In linea teorica, se pensiamo che una cosa sia giusta per il bambino (e assaggiare cibi nuovi è giusto) dovremmo insistere un po', ma con dolcezza, senza diventare rigidi, pronti a cogliere la differenza tra un capriccio e un disagio vero. In questo è prezioso il parere di chi lo vede sempre.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su