Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A 8 anni talvolta digiuna dalle 8 alle 16"

Ho un bambino di 4 anni che frequenta la scuola dell'infanzia. Dato che ha gusti particolari rispetto ai cibi, capita spesso che non mangi nulla alla mensa scolastica e rimanga a digiuno dalle 8 del mattino fino alle 16. Vorrei sapere quali sono gli effetti del digiuno sia a livello fisico (cali glicemici) sia a livello mentale (attenzione, concentrazione).

Il digiuno prolungato non fa bene. L'organismo di un bambino di 4 anni è in grado di mobilizzare le riserve di zucchero e di utilizzare i grassi di deposito per produrre energia, i cali glicemici vengono ben compensati. Sicuramente gli effetti sono sui livelli di attenzione, concentrazione e sul benessere in generale. Per un buon funzionamento del nostro corpo i pasti vanno frazionati e devono essere equilibrati. A un lungo digiuno, segue, in genere, un'abbuffata, altrettanto poco salutare. Se né lei né le educatrici dell'asilo riuscite a convincere il bimbo a mangiare a pranzo, preveda una merenda sana. Niente merendine o snack confezionati, meglio un panino (magari farcito con qualche verdura), una piccola pizza, un gelato, un bicchiere di latte o un frullato di frutta, seguiti da una cena con proteine, carne, pesce o legumi.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su