Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A 14 giorni strilla se immerso nell'acqua del bagnetto"

La mia bimba ha 14 giorni; le faccio il bagnetto 2 volte a settimana, ma proprio non ne vuole sapere di rilassarsi: appena la immergo inizia a strillare come una pazza e piange. l'acqua è a 37 gradi. Mi hanno consigliato di immergere anche le orecchie così dovrebbe tranquillizzarsi, ma ho paura le venga l'otite, io non so se con il passare del tempo si abituerà, però vorrei sapere se è possibile immergere le orecchie di un neonato senza alcun rischio.

I neonati spesso non gradiscono essere spogliati e manipolati. Sono abituati ad essere raccolti e avvolti in una sorta di guscio, il sacco amniotico in cui sono stati per 9 mesi. Sentirsi senza confini e senza contenimento intorno a sé spesso li agita, e piangono. Così il bagnetto, che nel nostro immaginario è un momento piacevole, diventa un vero e proprio incubo. Non insista, dia alla piccola il tempo di abituarsi gradualmente alle manovre del cambio del pannolino e dei vestitini. La lavi poco alla volta, arriverà poco alla volta al bagno in immersione. Immergerli completamente (escluso il volto, per respirare) può in effetti aiutare: elimina la sensazione sgradevole di freddo sulle parti che escono dall'acqua e ricorda più facilmente il liquido amniotico in cui erano contenuti. Bisogna, però, avere una presa salda sul piccolo, per non farlo scivolare del tutto nell'acqua. Nel dubbio, è meglio aspettare: più avanti lo apprezzerà.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su