Disturbi e patologie

Scegli l'argomento della sezione

 

Faringite: perché serve vestirsi a strati

Il mal di gola, disturbo quasi sempre senza conseguenze, è però davvero fastidioso. Per cercare di scongiurarlo, in pratica, basta adottare lo stile “cipolla”.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 4 minuti
Faringite prevenzione

Il mal di gola, disturbo quasi sempre senza conseguenze, è però davvero fastidioso. Per cercare di scongiurarlo, in pratica, basta adottare lo stile “cipolla”.

Almeno una volta l’anno, soprattutto durante la stagione fredda, gli italiani corrono dal medico per curare i cosiddetti mali di stagione.

Tra i più irritanti c’è senz’altro la faringite , ossia il mal di gola, che possiamo però imparare a prevenire. Anche con un semplice accorgimento nella stratificazione degli abiti.

Sebbene la causa principale dell’infiammazione della gola siano virus e batteri, escursioni termiche eccessive e repentine possono concorrere alla comparsa del disturbo.

Gli sbalzi di temperatura riducono infatti l'efficienza delle difese delle vie aeree nei confronti dei microrganismi.

Le cellule della mucosa respiratoria sono dotate di ciglia che con il loro movimento sospingono il sottile strato di muco che viene secreto di continuo per intrappolare le particelle estranee penetrate con l'aria inspirata.

Questo meccanismo che serve a mantenere pulite le vie respiratorie è però influenzato dagli sbalzi termici o di umidità.

Così, per esempio, un colpo di freddo compromette il funzionamento delle cellule che non riescono più a sequestrare ed espellere i germi inalati.

Dentro e fuori nel modo giusto

Per schivare dannosi riscaldamenti e raffreddamenti improvvisi il consiglio più utile è di seguire la “regola della cipolla”, ossia vestirsi a strati.

Questa strategia ci permetterà di essere ben coperti per affrontare le rigide temperature esterne ma anche di liberarci facilmente di maglioni & Co., a seconda dell’ambiente che troveremo nei luoghi chiusi evitandoci di avere troppo caldo.

Gli strati, dunque, aiutano. A patto che siano sovrapposti nell’ordine corretto: a contatto con la pelle gli indumenti per regolare la traspirazione; lo strato intermedio deve mantenere costante la temperatura corporea; l’ultimo, deve proteggere dagli agenti atmosferici (vento, pioggia, neve).

Scacco agli sbalzi in tre mosse

Primo strato. È quello a diretto contatto con la pelle e, perciò, la biancheria. Deve essere aderente, ma non costrittiva.

I tessuti più indicati sono seta e cotone, oppure materiali in micro poliestere elasticizzato, che aiutano a regolare la traspirazione favorendo il trasporto del sudore all’esterno.

La traspirazione, in questo strato, è fondamentale perché mantiene costante la temperatura corporea, impedendo al corpo di raffreddarsi.

Secondo strato. Indossato sopra quello intimo ha il compito fondamentale di riparare dal freddo. In pratica, camicie, maglioni e cardigan devono formare uno scudo protettivo termico, trattenendo il calore tra il primo e il terzo strato di vestiario.

Naturalmente, lo scudo non può che essere costituito da tessuti morbidi e caldi, come lana, pile o cachemire.

Terzo strato. Impermeabili, cappotti, trench, piumini: è il guscio dei nostri strati, quello che tiene il corpo al riparo dagli eventi atmosferici e dalle escursioni termiche, e protegge gli strati sottostanti, evitando che il calore si disperda all’esterno.

L’ultimo strato deve essere traspirante come gli altri due per consentire l’emissione del sudore. Mai dimenticare, infine, sciarpe, guanti e cappelli.

Lucia Benenati

VIDEO

Ho mal di gola, che cosa posso prendere?

Il mal di gola può essere dovuto a diversi fattori. A seconda delle cause ci sono rimedi adatti. Ecco il parere del farmacista.

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Sette trucchi per scansare l'influenza

  • Influenza_aria_aperta

    Esci di più all'aria aperta

    La leggenda secondo cui in inverno è meglio stare il più possibile al chiuso è falsa: negli ambienti ristretti, soprattutto se molto riscaldati, è più probabile ritrovarsi a stretto contatto con qualcuno che ha già preso l’influenza, e passarvi il virus. Stare all’aria aperta, soprattutto facendo delle passeggiate, riduce il rischio contagio e fa bene alla salute in generale.

  • Influenza_stress

    Tieni alla larga lo stress

    Ritagliarsi momenti per rilassarsi un po' fa bene alla psiche, ma soprattutto rinforza le difese immunitarie. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che se l’organismo è stressato, i virus dell’influenza hanno maggiori probabilità di infettare e replicarsi. Quale tecnica adottare? Quella che piace di più, a seconda dei gusti: lo yoga, la ginnastica, leggere un libro, un massaggio, fare una passeggiata. L’importante è tenere alla larga lo stress. E assieme a lui, i virus influenzali.

  • Influenza_lavarsi_le_mani

    Lava le mani appena puoi

    Le mani sono il mezzo preferito dai virus del raffreddore e dell’influenza per diffondersi. Senza che ce ne accorgiamo, stringiamo le mani di qualcuno, apriamo una porta, ci appoggiamo a una sedia. Se qualcuno prima di noi ha toccato la stessa superficie ed è influenzato il gioco è fatto. Lavarsi le mani spesso e con accuratezza evita il diffondersi dei virus e riduce il rischio di ammalarsi.

  • Influenza_sonno

    Chi dorme bene non piglia… l’influenza

    Una notte in bianco non è un dramma. Ma se la mancanza di sonno dura per più giorni il nostro sistema immunitario comincia a perdere colpi. In questa stagione è opportuno dormire almeno sette ore per notte, così da dare il tempo all’organismo di rigenerarsi dalle fatiche della giornata ed essere in grado di fronteggiare con successo i germi responsabili dei malanni invernali.

  • Influenza_dieta

    Mangia in modo sano

    L’influenza si previene anche a tavola. Frutta e verdura di stagione sono fonti preziose di vitamine antiossidanti e sali minerali essenziali al buon funzionamento delle difese naturali dell’organismo. Legumi e cereali sono invece un ottimo rifornimento di proteine, anch’esse importanti perché alcuni aminoacidi contribuiscono alla sintesi degli anticorpi. In questa stagione è bene non sottovalutare anche la quota di carboidrati, pasta e pane per intenderci. Un po’ di calorie in più aiutano infatti l’organismo a rinforzare le sue difese naturali.

  • Influenza_sport

    Fai attività fisica regolare

    È ormai dimostrato in diversi studi: un’attività fisica moderata, ma regolare, abbassa il rischio di buscarsi l’influenza. Una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, per esempio, ha scoperto che chi è fisicamente attivo almeno cinque giorni alla settimana ha una probabilità di prendere l’influenza e il raffreddore quasi dimezzata rispetto a chi lo è soltanto una volta alla settimana.

  • Influenza_virus_occhi

    Tieni giù le mani

    Spesso non ci si fa caso, ma tendiamo con una certa frequenza a portare le mani al viso. Siccome le tre principali vie d’accesso dei virus nel nostro organismo sono il naso, gli occhi e la bocca, è altamente sconsigliabile toccare queste parti del corpo senza prima aver lavato accuratamente le mani. Il problema è che a volte lo si fa senza accorgersi. Basta sforzarsi di dedicare un po’ di attenzione ai proprio movimenti involontari per ridurre parecchio il rischio di contagio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "DISTURBI E PATOLOGIE"

Torna su