Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Uso del preservativo e percentuale di rischio"

Ho 18 anni e ho sempre usato preservativo e coito interrotto per evitare rischi. Le ultime volte però, il mio ragazzo non ha interrotto il coito. Ho sempre controllato il preservativo dopo il rapporto (con l'acqua e senza) e non si è mai rotto. Però ho letto che anche se usato bene il preservativo ha un margine di errore. È vero? Da cosa dipende? Si può capire quando non ha funzionato correttamente?

Il rischio di gravidanza di ogni metodo anticoncezionale può essere valutato da più punti di vista. Comunemente si parla di uso perfetto e di uso tipico. È tipico l’uso nella quotidianità in cui, su migliaia o milioni di persone che usano un metodo, ci sarà sempre qualcuno che ha un guaio o fa un errore. Nel caso del preservativo vi sarà qualcuno al quale si rompe, si sfila, o che lo mette e lo toglie durante il rapporto, lo mette tardivamente o, ancora, che determina un reflusso di sperma verso la vagina. Sono stati pubblicati dati anche su chi lo riutilizza.
È perfetto l’uso di chi utilizza lo strumento o il metodo con assoluta precisione. Nel caso del preservativo lo usa lubrificato, con serbatoio, lo mette prima di qualunque gesto di penetrazione e lo tiene fino alla fine del rapporto, lo sfila dalla vagina insieme con il pene, ne verifica la mantenuta integrità. I dati della letteratura dicono che con un uso tipico del preservativo maschile, il 15% delle donne ha una gravidanza non desiderata entro il primo anno di utilizzo; tale percentuale diventa il 2% se l’uso è perfetto.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su