Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Posizione post coito per agevolare la fecondazione"

Da qualche mese cerco un figlio e avrei bisogno di risolvere un dubbio. Ieri mattina, dopo aver avuto un rapporto, sono stata sdraiata per circa 30 minuti con le gambe sollevate. Poi mi sono alzata perché dovevo andare in bagno. È possibile che con lo sforzo della defecazione abbia perso tutti gli spermatozoi?

La questione della posizione nei rapporti è da tempo dibattuta. In linea di principio sembra che la posizione della donna supina (cioè a pancia rivolta verso l’alto) sia la più confacente, anche perché in questa posizione la vagina è ben angolata sull’utero, e ciò faciliterebbe il contatto tra lo sperma e la cervice (collo dell’utero) e la risalita degli spermatozoi verso il canale cervicale. Va però considerato che gli spermatozoi posti in vagina da una singola eiaculazione sono decine di milioni, mentre quelli che riescono a risalire il canale cervicale sono molti di meno (alcune centinaia o migliaia), ma lo fanno nel giro di alcune decine di secondi, al massimo pochissimi minuti. Qualcuno consiglia, come precauzione aggiuntiva, di stare con le gambe sollevate o con un cuscino sotto il sedere, ma non è dimostrato che questo realmente serva. Quanto esce dalla vagina dopo 30 minuti è sperma probabilmente non più utile alla fecondazione.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su