Pubblicità

Pillola e mestruazioni: le 10 cose da sapere

Tanti punti da chiarire, tra cui anche la differenza tra il normale ciclo mestruale e quello “finto” indotto dalla pillola.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 9 minuti

Tanti punti da chiarire, tra cui anche la differenza tra il normale ciclo mestruale e quello “finto” indotto dalla pillola.

È uno dei metodi contraccettivi più sicuri e utilizzati dalle donne, ma sono ancora tanti i falsi miti da sradicare e i dubbi che nutre una buona parte delle donne.

Le perplessità riguardano sia i possibili effetti (positivi o negativi) sulla salute, sia il suo funzionamento e il suo rapporto con il ciclo mestruale.

Per fare luce in particolare su quest’ultimo aspetto, la Società italiana della contraccezione (Sic) ha stilato un semplice e chiaro decalogo che può essere di grande aiuto per tante donne.

Il significato delle mestruazioni

Durante l’età fertile, l’ovaio produce estrogeni e progesterone, ormoni femminili che inducono l’ovulazione e promuovono la formazione sulla parete interna dell’utero dell’endometrio, una mucosa estremamente vascolarizzata che accoglierà l’embrione in caso di concepimento.

Se invece ciò non accade, i livelli di estrogeni e progesterone tenderanno a calare man mano che si avvicina il termine del ciclo ovarico di 28 giorni, causando appunto la mestruazione, ovvero lo sfaldamento e il distacco dell’endometrio che verrà espulso attraverso la vagina.

Questo processo si rinnova ogni mese, in modo da offrire all’ovulo, nel caso venga fecondato, un “terreno” sempre ottimale sul quale crescere.

Alle perdite ematiche si associano molto spesso sintomi dolorosi, la cui intensità varia da donna a donna. Questi disturbi sono dovuti all’infiammazione dell’utero e di organi e tessuti circostanti che viene favorita da molecole, come citochine e prostaglandine, la cui sintesi viene indotta dai cambiamenti ormonali che precedono la mestruazione.

Ormoni che “bloccano” altri ormoni

La pillola anticoncezionale è un farmaco che contiene solitamente due ormoni, un estrogeno e un progestinico, capaci di inibire la sintesi da parte dell’ipofisi di altri due ormoni, le gonadotropine LH (ormone luteinizzante) e FSH (ormone follicolo-stimolante), che normalmente stimolano l’ovaio a produrre la cellula uovo.

Pubblicità

L’assunzione regolare della pillola è perciò in grado di “addormentare” temporaneamente l’ovaio e rendere quindi impossibile una gravidanza.

Negli anni sono state sviluppate diversi tipologie di questo farmaco, che si differenziano per gli ormoni contenuti, il loro dosaggio e la modalità di assunzione.

10 cose da sapere su pillola e mestruazioni

1) La mestruazione fisiologica è segno che non si aspetta un bambino e si manifesta in media ogni 28 giorni.

Lo scopo del ciclo mestruale è quello di creare un ambiente favorevole all’impianto dell’embrione fecondato.

Le mestruazioni sono una perdita di sangue che si verifica quando l’utero espelle lo strato superficiale della sua mucosa e quando il livello di due ormoni, estrogeni e progestinici, si abbatte. Ovviamente questo processo avviene solamente se l’ovulo non è stato fecondato dallo spermatozoo.

2) La mestruazione che avviene in fase di assunzione di contraccettivi ormonali non è del tutto simile alla mestruazione fisiologica.

Il sanguinamento che si presenta in corso di assunzione di un contraccettivo ormonale è una falsa mestruazione. La pillola anticoncezionale infatti mette a riposo le ovaie e, grazie agli ormoni estrogeni e ai progestinici contenuti nella pillola, la mucosa uterina continua a crescere e, alla sospensione mensile del contraccettivo orale, si sfalda.

3) La mestruazione è evitabile se si assume la pillola.

Quando John Rock negli anni ’50 iniziò a lavorare a quella che oggi chiamiamo familiarmente “la pillola”, era convinto di essere in procinto di creare un sistema “naturale”.

Poiché all’epoca si riteneva che sia il medico sia la donna associassero psicologicamente il concetto di benessere riproduttivo al sanguinamento, Rock si “inventò” anche una finta mestruazione, provocata dalla sospensione degli ormoni contenuti nella pillola.

4) Il “falso ciclo” provocato dalla pillola non ha alcun risvolto sulla salute riproduttiva della donna.

Non solo. I disturbi connessi al ciclo sono, se non addirittura assenti, molto più leggeri e l’intensità delle perdite può essere modulata grazie alla variazione del tipo di contraccettivo e del regime di somministrazione.

5) Non è vero che più mestruazioni si hanno, più si è in buona salute.

Dall’antichità a oggi il numero di gravidanze per ogni donna si è ridotto enormemente (160 mestruazioni nell’arco della vita media di ieri contro le circa 400 mestruazioni di oggi).

Questo perché rispetto alle nostre nonne facciamo meno figli. Poiché il corpo delle donne non si è ancora adattato al cambiamento, avere meno cicli significa avere meno problemi legati al ciclo, quali, solo per citarne alcuni, emicrania ed endometriosi.

6) Non tutte le donne desiderano avere le mestruazioni tutti i mesi.

Il 60%-70% delle donne vorrebbe o non avere affatto il ciclo oppure averlo a intervalli più distanziati.

Questo anche perché la mestruazione, persino nelle donne che non soffrono di particolari patologie legate al sanguinamento, incide in maniera importante sull’attività sessuale, sull’attività sportiva, sull’attività lavorativa o ricreativa, sulla vacanza e anche sull’abbigliamento.


Gli studi che hanno messo a confronto la somministrazione della pillola per 21, 22, 23 giorni o più modernamente 24 giorni non hanno evidenziato né una presenza di ormoni differente da donna a donna, né effetti collaterali o alterazioni metaboliche.

7) Più a lungo la pillola viene assunta in maniera continuativa, più il dolore e gli altri sintomi legati alla mestruazione sono sotto controllo.

Il ciclo provoca importanti modificazioni a livello dell’endometrio. Le conseguenze possono essere in taluni casi crampi addominali, flussi mestruali molto abbondanti che possono causare anemia, stanchezza, irritabilità, difficoltà di concentrazione; aumento di patologie quali l’endometriosi e tumore">tumori dell’ovaio; cefalea, epilessia, acuirsi delle malattie autoimmunitarie.

8) Non tutte le donne italiane vogliono avere le mestruazioni anche quando prendono la pillola.

A volere il ciclo mensile è il 25%-40% delle donne italiane (il dato varia al variare dell’età). Il 30% non la desidererebbe mai, il resto vorrebbe mestruazioni meno frequenti.

9) La contraccezione ormonale cura la dismenorrea.

Oltre l’80% delle donne quando ha il ciclo soffre di crampi all’utero. Nel 25% di questi casi si manifestano anche dolori intensi (dismenorrea). Le donne affette da questa sindrome assumono antidolorifici e sono qualche volta costrette a sospendere o limitare le attività lavorative, di studio e sociali.

L’uso della pillola senza interruzioni diminuisce il numero delle mestruazioni ed è molto indicata.

10) La contraccezione ormonale in continuo può essere utile per le donne con flussi mestruali abbondanti (menorragia).

La menorragia crea un disagio per la donna perché non solo la limita nell’abbigliamento e nella libertà di avere uno stile di vita attivo, ma la costringe anche a spendere più soldi in assorbenti.

La menorragia inoltre può causare anemia con conseguente stanchezza, irritabilità e difficoltà di concentrazione.

Lisa Trisciuoglio

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Due mestruazioni in un mese, significato

Dolori mestruali: cause e rimedi

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Le cinque cose da sapere sui contraccettivi

  • Preservativo fotogallery

    Doppia protezione con il preservativo

    Agisce impedendo l’ingresso degli spermatozoi negli organi riproduttivi femminili ed evitando così l’incontro tra ovulo e spermatozoi. In questo modo il preservativo riduce il rischio di gravidanze, ma al contempo protegge anche dalle malattie a trasmissione sessuale, come AIDS, clamidia, gonorrea, sifilide, epatiti, ecc. Attenzione però, perché la sua efficacia può essere ridotta (o annullata) da una sua scorretta applicazione o dalla sua rottura durante il rapporto.

  • Contraccettivi ormonali

    Tante tipologie di contraccettivi ormonali

    La contraccezione ormonale prevede l’utilizzo di ormoni femminili, in genere estrogeni e progestinici, che possono essere assunti con diverse modalità: per bocca nel caso della pillola, attraverso le pareti della vagina se si utilizza l’anello vaginale, o per via cutanea se si scegli il cerotto. Il meccanismo d’azione però è sempre lo stesso, ovvero il blocco dell’ovulazione.

  • Falsi miti pillola fotogallery

    I falsi miti sulla pillola

    Ritenzione idrica, cellulite, acne: sono questi i maggiori timori che spingono le donne a scegliere metodi contraccettivi diversi dalla pillola. In realtà la loro comparsa non è legata alla sua assunzione, soprattutto nel caso delle pillole di ultima generazione. Per quanto riguarda l’acne, poi, è vero esattamente il contrario. Spesso, infatti, la pillola viene prescritta proprio per contrastare questo disturbo della pelle.

  • Metodi naturali fotogallery

    Scarsa affidabilità per i metodi naturali

    I più diffusi sono il coito interrotto e il metodo Billings. Il primo è un metodo relativamente “semplice” in quanto prevede la ritrazione del pene dalla vagina prima dell’eiaculazione, ma può essere sgradito dalla coppia in quanto interrompe bruscamente il rapporto e può essere fonte di ansia. Il secondo dipende dalla capacità della donna di riconoscere l’ovulazione in base alle caratteristiche del muco cervicale (che variano nell’arco del ciclo mestruale), implica una buona confidenza con il proprio corpo e tanta costanza. In entrambi i casi però l’efficacia contraccettiva è bassa; ecco perché i metodi naturali possono rappresentare un’opzione soprattutto per le coppie stabili e molto affiatate, in cui entrambi i partner siano ben disposti ad accettare con serenità l’eventualità di una gravidanza imprevista.

  • Contraccezione emergenza fotogallery

    Non abusare della contraccezione d’emergenza

    Il fattore tempo è fondamentale quando si vuole ridurre il rischio di una gravidanza indesiderata dopo un rapporto non protetto oppure in seguito al fallimento o al cattivo uso di un metodo anticoncezionale. A questo scopo può essere usata la cosiddetta contraccezione d’emergenza, che è in grado di impedire la fecondazione, interferendo con l’ovulazione. Non provoca quindi un aborto e non è efficace in una donna che ha già ovulato o è già incinta. Il termine “emergenza” sottolinea però che questa forma di contraccezione deve rappresentare solo una misura occasionale e non sostituire un regolare metodo anticoncezionale.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE DONNA
Torna su