Pubblicità

Ansia da prestazione e vita di coppia

Uomini e donne, tutti possono soffrire di ansia da prestazione sessuale. Prima di tutto indaghiamo nella nostra psiche.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 11 minuti
Ansia da prestazione sesso

Uomini e donne, tutti possono soffrire di ansia da prestazione sessuale. Prima di tutto indaghiamo nella nostra psiche.

Paura di deludere, di fallire e di sbagliare, ma anche tensioni e poca complicità possono ostacolare i rapporti sessuali. Spesso i problemi si manifestano nel corpo, ma in realtà nascono all'interno della mente; per questo lo psicologo può aiutare molto più dei farmaci.

Uomini e donne, tutti possono soffrire di ansia da prestazione sessuale. Questo problema, spesso ritenuto prettamente maschile perché nell'uomo è accompagnato da problemi evidenti come difficoltà nell'erezione ed eiaculazione precoce, può, in realtà, interessare anche la donna.

Il mancato raggiungimento del piacere spesso ha un unico grande nemico: l'ansia. Come per tutte le forme di ansia da prestazione, alla sua base ci sono la paura di affrontare la prestazione stessa e di fallire.

L'eventualità di sbagliare, di non soddisfare o di deludere il partner e di non essere all'altezza delle sue aspettative gioca un ruolo fondamentale in questo processo.

Anche le tensioni all'interno della coppia, la paura del confronto con le esperienze precedenti del partner e forme di depressione o insicurezza portano a un blocco. Infatti la rabbia, le ferite emotive e la frustrazione possono avere effetti estremamente negativi sulla sessualità e, di conseguenza, su ciò che succede in camera da letto; il desiderio e la passione, per esempio, possono calare significativamente e raggiungere l'erezione può diventare più difficile.

D'altra parte anche lo stress e le preoccupazioni su altri problemi quotidiani possono spostare l'attenzione impedendo di concentrarsi sul compagno o sulla prestazione.

Non si può poi dimenticare come, nel caso specifico dell'uomo, a entrare in gioco sia anche l'impossibilità di nascondere al partner un problema come la disfunzione erettile.

Ciò fa sì che la sicurezza e l'autostima maschile siano fortemente a rischio; di conseguenza, una prima performance deludente può essere vissuta come un vero e proprio fallimento e trasformarsi in un precedente molto difficile da metabolizzare e superare.

Quello in cui si può entrare, insomma, è un vero e proprio circolo vizioso di paure e preoccupazioni in cui il subconscio impedisce letteralmente di raggiungere un'erezione soddisfacente e limita il desiderio e l'eccitazione durante i rapporti sessuali successivi.

Manifestazioni fisiche di un disagio mentale

Sia le disfunzioni erettili, sia l'eiaculazione precoce sono disturbi che possono dipendere esclusivamente dall'ansia, alla base della quale possono esserci vere e proprie problematiche fisiologiche.

Ma anche può accadere che i fattori psicologici si sovrappongano a problemi organici, amplificandoli.

Individuare la vera causa del problema è fondamentale per risolverlo e affrontarlo nel modo più opportuno.

Da un punto di vista strettamente fisico l'erezione del pene è dovuta al rilascio della muscolatura liscia dei vasi sanguigni, che permette l'afflusso di sangue nei cosiddetti corpi cavernosi. Alcune malattie (come il diabete, l'ipertensione e patologie cardiovascolari), interventi alla prostata, l'assunzione di certi farmaci, l'abuso di alcol, nicotina e alcune droghe possono ostacolare tale meccanismo, compromettendo la salute e il benessere sessuale.

Altrettanto importante può essere il ruolo giocato dalla mente, in particolare dall'ansia: entrare in uno stato di agitazione o di tensione prima del rapporto sessuale può far sì che l'erezione sia debole o, addirittura, assente.

Anche l'eiaculazione precoce – un problema tipicamente associato allo stress emotivo che riduce significativamente la durata dei rapporti sessuali – può essere correlata all'ansia da prestazione.

Raggiungere l'orgasmo prima della penetrazione o subito dopo di questa è quasi sempre un problema di origine psicologica.

Attenzione, però, agli allarmismi eccessivi: in molti casi la brevità del rapporto può essere semplicemente dovuta a uno stato di ipereccitazione.

Pillole o psicologo? I rimedi contro l'ansia da prestazione

Pubblicità
All'inizio del XX secolo, quando i medici hanno iniziato a occuparsi dei problemi associati all'ansia da prestazione, si credeva che alla base dei disturbi della sfera sessuale con cui potevano avere a che fare gli uomini ci fossero l'autoerotismo in età giovanile e un'attività sessuale troppo intensa da adulti.

Per questo la prescrizione era essenzialmente sempre la stessa: evitare di masturbarsi e ridurre il numero di rapporti sessuali.

Oggi la situazione è molto diversa. Infatti, una volta superati i falsi miti che aleggiavano sul tema, gli psicologi e altri specialisti hanno iniziato a indirizzare lo studio e la cura di questi problemi mirando a un altro obiettivo: ripristinare le funzionalità sessuali e, allo stesso tempo, agire sulle emozioni per recuperare la capacità di provare piacere durante i rapporti.

Una terapia che preveda di ricorrere a farmaci che facilitino l'erezione può correggere il sintomo senza, però, eliminarne la causa.

Infatti le medicine attualmente disponibili sono in grado di indurre l'erezione promuovendo l'afflusso di sangue al pene attraverso l'inibizione della contrazione della muscolatura liscia dei vasi sanguigni del pene.

Se, però, la disfunzione è secondaria a un'altra patologia, per esempio il diabete o una forma d'ansia, soltanto curando quest'ultima si potrà risolvere realmente il problema.

Recenti studi hanno rivelato che questi farmaci aiutano a migliorare la fiducia in se stessi e quindi le prestazioni, se la disfunzione è di origine psicologica.

In ogni caso, è sempre meglio rivolgersi prima di tutto a uno specialista: andrologo o urologo, oppure psicologo o sessuologo, a seconda dei casi.

Inoltre, questi farmaci devono essere prescritti da un medico, che saprà indicare il prodotto più adatto alle diverse situazioni.

Parlare con un esperto potrebbe anche aiutare a scoprire che, in realtà, quello di cui si ha bisogno non è una pillola, ma un supporto psicologico che aiuti a ridurre o l'ansia e ogni eventuale timore o pensiero negativo associato ai rapporti sessuali.

A volte potrebbe non essere necessaria una vera e propria psicoterapia: ricevere, durante un colloquio con lo psicologo, semplici informazioni, rassicurazioni o consigli sull'uso dei contraccettivi o su testi da leggere, potrebbe essere sufficiente a eliminare lo stress alla base dei problemi sperimentati nella vita intima.

In altri casi, invece, la scelta migliore è affidarsi a uno psicoterapeuta.

Combattere l'ansia da prestazione con i rimedi naturali

Un altro modo per affrontare alla radice le conseguenze dell'ansia da prestazione è affidarsi a rimedi naturali che possono aiutare a combattere proprio le forme di ansia.

Fra quelli più consigliati sono inclusi i prodotti a base di radice di valeriana (la Valeriana officinalis), che contengono principi attivi dall'azione rilassante, ma non solo; anche la passiflora (Passiflora incarnata), rimedio naturale dalle proprietà sedative, può essere utile sia nel trattamento dell'ansia sia in caso di veri e propri attacchi di panico.

La Rhodiola rosea e la Withania somnifera (nota anche come ginseng indiano o ciliegia d'inverno) possono essere utili sia contro l'ansia sia contro lo stress.

Infine, all'Hypericum perforatum (comunemente noto come iperico, erba di San Giovanni o scacciadiavoli) sono state associate vere e proprie proprietà antidepressive che potrebbero risultare utili anche per vincere l'ansia da prestazione.

Quando a soffrirne è la donna

Meno noto, ma piuttosto frequente, è il problema dell'ansia da prestazione nelle donne. A soffrirne è un'italiana su cinque. In questo caso il meccanismo di blocco è molto più psicologico e introspettivo che fisico, e non corrisponde necessariamente a un'incapacità di portare a termine il rapporto quanto, piuttosto, all'instaurarsi di un senso di disagio.

La paura di una possibile gravidanza nel momento in cui non si desiderano bambini e delle malattie sessualmente trasmissibili frena, spesso, il desiderio. Anche la routine, uno stile di vita troppo stressante e la paura di deludere il partner possono portare a mancanza di concentrazione e vaginismo e impedire il raggiungimento dell'orgasmo.

Secondo gli esperti anche uno stile di vita sempre più simile a quello dell'uomo, con l'abitudine al fumo e al consumo di alcolici, nonché una dedizione eccessiva al lavoro, contribuiscono al diffondersi di questa problematica anche nell'universo femminile.

Il rischio maggiore è corso dalle donne in cui il ciclo mestruale è più abbondante e può causare anemia. Inoltre, alla base del problema possono esserci forti sbalzi ormonali.

Per questi motivi un valido aiuto può arrivare dall'assunzione della pillola anticoncezionale, soprattutto della cosiddetta pillola bio, in commercio in Italia da circa un anno, che aiuta in modo specifico a superare questi disturbi.

Oltre all'eventuale intervento medico, è fondamentale condividere il problema con il proprio compagno per migliorare l'intimità. Confidenza, ironia, complicità e atmosfera possono favorire l'intesa.

Inoltre, anche se il disturbo è di carattere prettamente fisico, come nel caso di dolore durante i rapporti (la cosiddetta dispareunia), alla sua base può esserci in realtà un problema psicologico. In questi casi rivolgersi al ginecologo è utile per escludere le possibili cause fisiologiche del dolore, ma la soluzione più diffusa è un approccio psicologico mirato al rilassamento.

Mens sana in corpore sano

Che il problema sia maschile o femminile, oltre che dai supporti medici e psicologici, un grande aiuto può derivare da uno stile di vita sano, sia dal punto di vista della dieta, che deve essere ricca di antiossidanti e povera di grassi, sia per quanto riguarda il sonno, il relax e la pratica dell'attività fisica, che facilitano l'eccitazione.

Pensi di essere pronta per una relazione stabile? Prova questo test e scoprilo.

Silvia Soligon

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Fotomggi Mario Maggi
Andrologo e sessuologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

La sessualità maschile: parliamone...

Andrologo sessualita maschile problemi

Sessualità maschile: ecco quali sono i problemi più frequenti, le loro cause e la prevenzione

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI SESSUALITà E COPPIA
Torna su