Pubblicità

Igiene intima in menopausa

Calano gli estrogeni, e tutto l'apparato genitale si modifica. Ecco come fare per una corretta igiene intima

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 12 minuti
Igiene intima e menopausa

Calano gli estrogeni, e tutto l'apparato genitale si modifica. Ecco come fare per una corretta igiene intima

Gli aspetti da considerare

L'apparato genitale femminile è un sistema complesso, regolato da meccanismi che si modificano nel corso degli anni. Tali meccanismi dipendono principalmente dai ritmi ormonali peculiari delle diverse fasi di vita di una donna.

Un ruolo centrale viene svolto dagli estrogeni, la cui produzione in età fertile aumenta in maniera decisiva la quantità di glicogeno a livello delle mucose della vagina.

Il glicogeno viene metabolizzato dai lattobacilli di Doderlein, che durante l’età fertile, in condizioni di benessere, costituiscono il 90% della microflora vaginale. Questi batteri “buoni” sono in grado di trasformare il glicogeno in acido lattico, il quale a sua volta fa diminuire il valore del pH vaginale.

L'ambiente leggermente acido che si viene così a creare rappresenta un’importante linea di difesa contro l'attacco di eventuali agenti patogeni.

Con il progressivo declino della produzione degli estrogeni associato all’arrivo della menopausa l’apparato genitale e urinario della donna subiscono una serie di modificazioni fisiologiche di cui è importante tener conto durante l’igiene intima per rispettare il delicato equilibrio delle mucose, evitare irritazioni e assicurare il massimo benessere.

Il primo parametro da considerare è il pH fisiologico che, dai valori leggermente acidi (3,5 e 4,5) tipici dell’età fertile, sale un po’ più verso la neutralità (pH 5-6). Rispettare questi valori è essenziale per tutelare la microflora endogena e prevenire l’insorgenza di infezioni e colonizzazioni da parte di microrganismi fastidiosi.

Su questo fronte, la scelta di un adeguato detergente intimo è cruciale poiché un normale sapone, solido o liquido, è mediamente troppo aggressivo ed eccessivamente destabilizzante per le mucose genitali. È, quindi, necessario orientarsi verso un prodotto specifico con pH intorno a 6.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è il fenomeno noto come atrofia vulvo-vaginale, un disturbo piuttosto diffuso durante e dopo la menopausa, caratterizzato da secchezza vaginale e un'aumentata predisposizione a infiammazioni e infezioni.

In presenza di questo disturbo la donna avverte fastidio, prurito, irritazione delle mucose, secrezioni sgradevoli, cattivo odore. L’atrofia dei tessuti può coinvolgere, oltre alla vagina, anche vescica e uretra, causando sintomi come urgenza minzionale (che in alcuni casi può causare addirittura incontinenza), bruciori alla minzione, infezioni con cistiti ricorrenti. Per questo, oggi, al termine atrofia vulvo-vaginale si preferisce quello più appropriato di sindrome genitourinaria della menopausa.

Le donne che soffrono di questo disturbo possono provare anche fastidio o addirittura dolore anche durante i rapporti sessuali; in caso di secchezza vaginale, la penetrazione avviene infatti in assenza di lubrificazione e può quindi causare abrasioni (microscopiche, ma molto dolorose) sulla mucosa a livello dell’entrata vaginale.

Questo disturbo può quindi influire negativamente non solo sulla qualità della vita della donna in quanto tale, ma anche sull’intimità di coppia.

Inoltre, nella maggior parte dei casi le donne non sanno che la perdita di elasticità dei tessuti e la secchezza vaginale sono aspetti direttamente legati ai cambiamenti ormonali tipici della menopausa; di conseguenza, lo ritengono, erroneamente, un fastidio “passeggero” e non chiedono aiuto al proprio medico

I disturbi tipici di questa fase possono essere esacerbati anche da fattori esterni. Il ricorso a prodotti di igiene intima non appropriati, alcune forme di contraccezione e l'uso di indumenti troppo stretti possono infatti intaccare il delicato equilibrio delle zone intime.

Pubblicità

Detergente ed emolliente

Con la menopausa, inoltre, viene meno lo stimolo trofico e secernente degli estrogeni, cui conseguono l’assottigliamento, una minore elasticità e una ridotta lubrificazione delle mucose genitali femminili.

Diventa, quindi, importante supportare dall’esterno queste funzioni, ricorrendo a detergenti emollienti, idratanti e lenitivi.

È importante tenere presente che i detergenti intimi tradizionali tendono ad avere un pH acido e sono perciò meno adatti per l'igiene intima durante la menopausa. Per orientarsi nella scelta del detergente intimo più idoneo può essere utile rivolgersi al proprio ginecologo, onde evitare di ricorrere a prodotti che possono poi rivelarsi inefficaci o addirittura controproducenti.

In linea generale, tenendo presente che la prevenzione della salute passa dall'equilibrio dell'ecosistema vaginale, è senza dubbio consigliabile orientarsi su prodotti per l'igiene intima a pH neutro. È importante tenere in considerazione la potenziale azione lenitiva nei confronti dei fastidi più comuni, il grado di protezione che possono offrire, la loro formulazione.

Questo ultimo aspetto è particolarmente importante: la presenza di profumi in un prodotto per l'igiene intima è generalmente controindicata per una donna in menopausa. Queste sostanze svolgono quasi sempre un'azione irritante nei confronti delle mucose (rendendole più esposte all'attacco di agenti patogeni) e possono indebolire il microbioma vaginale e portare a uno squilibrio del pH.

Il detergente intimo ideale, in definitiva, dovrebbe essere delicato, poco schiumogeno, rinfrescante, lenitivo e idratante, meglio ancora se antibatterico. Si può ricorrere a prodotti specifici, studiati appositamente per contrastare sintomi come prurito o bruciore.

Particolarmente utili in caso di cute e mucose molto sensibili, fragili o interessate da irritazioni e arrossamenti sono le formulazioni contenenti le proteine colloidali dell’avena, del riso o di altri cereali; olio d’oliva, di mandorle dolci o jojoba; acidi grassi del cocco; idrolisati di collagene o glicerina.

Per un’azione più intensamente rigeneratrice e lenitiva si possono poi applicare specifici prodotti nutrienti sotto forma di creme o gel, arricchiti di proteine o acidi grassi essenziali ed estratti naturali dalle proprietà addolcenti (equiseto, camomilla, malva, tiglio o calendula) e ristrutturanti (aloe e amamelide).

In commercio esistono anche preparati specificamente studiati per il periodo del climaterio contenenti fitoestrogeni (derivati dagli isoflavoni della soia). I fitoestrogeni, oltre a svolgere un ruolo di prevenzione nei confronti della sindrome premestruale e dei sintomi tipici della menopausa, come per esempio le vampate, sembrano possedere anche notevoli proprietà antiossidanti e sembrano svolgere un ruolo protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari.

Un possibile rimedio contro la secchezza vaginale può essere rappresentato da specifici gel o creme ad azione lubrificante, soprattutto se la loro composizione comprende ingredienti come camomilla, malva o calendula, dall'effetto calmante e preventivo nei confronti di irritazioni e bruciori.

Se il medico lo ritiene opportuno, per combattere la secchezza vaginale è indicata anche la somministrazione a livello locale di estrogeni.

Consigli pratici

Oltre ad affidarsi a un detergente intimo adeguato e di qualità, per mantenere un’igiene intima ottimale, in menopausa come in ogni altra fase della vita è indispensabile ricordare alcune regole pratiche.

In particolare è necessario:

  • Avere cura dell’igiene intima ogni giorno, in relazione alle necessità, ma senza eccedere con i lavaggi: due al giorno sono più che sufficienti, ed è opportuno ricorrervi anche prima e dopo i rapporti sessuali. Lavaggi eccessivi e troppo frequenti possono causare l'effetto opposto a quello desiderato, causando uno squilibrio del microbioma vaginale e abbassando le difese immunitarie.
  • Eseguire le operazioni di lavaggio con movimenti diretti dalla zona anteriore verso l’ano per evitare contaminazioni batteriche dell’area genito-urinaria. I batteri fecali, se si annidano nella mucosa vaginale, possono dare luogo a infezioni fastidiosi quali vaginiti e cistiti.
  • Dopo ogni lavaggio, risciacquare in modo accurato per eliminare ogni traccia di detergente e asciugare delicatamente, senza sfregare e accuratamente in quanto l'umidità favorisce l'attecchimento di funghi e batteri dannosi.
  • Utilizzare preferibilmente biancheria intima di cotone, seta, lino, microfibra o altre fibre naturali che consentono una migliore traspirazione. Tessuti non traspiranti possono infatti favorire un aumento del grado di umidità nelle zone intime.
  • Evitare di indossare indumenti troppo attillati a livello dell’inguine, come per esempio jeans.
  • Utilizzare il meno possibile i bagni pubblici o, se necessario, prestare particolare attenzione. Nei servizi pubblici, soprattutto se non igienizzati accuratamente, è molto più alto il numero di batteri a cui si è potenzialmente esposte.

È infine importante usare cautela nel ricorrere a soluzioni come le lavande vaginali. Facilmente reperibili anche senza prescrizione medica, vengono utilizzate con lo scopo di ottenere una maggiore igiene intima indirizzando un getto liquido verso le pareti interne del canale vaginale. I liquidi utilizzati sono soluzioni detergenti a base di acqua e altre sostanze, studiate per favorire l'idratazione delle parti intime.

L'utilizzo di questo metodo di igiene intima, per quanto abbastanza comune, può essere però inutile, se non addirittura controproducente. Le soluzioni utilizzate per la lavanda vaginale possono infatti stravolgere il microbioma locale, esponendo i tessuti a potenziali infezioni opportunistiche. Non è inoltre escluso il rischio che lo stesso strumento utilizzato per la lavanda non sia immune da contaminazioni batteriche, rendendo concreta la possibilità di introdurre agenti patogeni dannosi.

Proprio per queste ragioni i ginecologi sconsigliano il ricorso a tale pratica, che andrebbe riservata solo a specifiche condizioni patologiche diagnosticate dallo specialista. In questo caso, sotto la prescrizione e la supervisione medica, si può considerare la pratica sufficientemente sicura.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Menopausa: conoscerla bene per gestirla al meglio

Cosa e menopausa

Scopriamo tutto sulla menopausa con Raffaella Chionna, ginecologa dell'ospedale San Raffaele di Milano.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

I cinque segreti per vivere al meglio la menopausa

  • Non ingrassare

    Non accumulare chili di troppo

    Già con l’arrivo della premenopausa molte donne hanno la tendenza ad accumulare grasso cosiddetto viscerale, ossia a livello dell’addome. Oltre a essere pericoloso per la salute, in quanto aumenta il rischio cardiovascolare, è anche un vero e proprio cruccio dal punto di vista estetico. È quindi bene tenere sotto controllo il peso fin dai primi sintomi, anche perché dimagrire diventerà sempre più difficile man mano che passa il tempo.

  • Mangiare sano

    Mangiare sano

    Un’alimentazione sana ed equilibrata è utile per tenere a bada molti dei sintomi tipici della menopausa, in particolare l’aumento di peso e le vampate. Sì quindi ad alimenti integrali, olio extra-vergine di oliva, frutta possibilmente povera di zuccheri e tutti i cibi ricchi di calcio, come pesce e legumi piuttosto che formaggi, e di ormoni naturali, come semi di lino, tofu, salvia, finocchio, riso integrale, fagioli, rafano, the verde. Al bando invece grassi saturi e sale in eccesso.

  • Attivita%cc%80 fisica

    Praticare con regolarità attività fisica

    Come l’alimentazione anche l’attività fisica è un vero toccasana per la salute, non solo in menopausa. In questo delicato periodo ha però un valore aggiunto perché aiuta a prevenire anche l’osteoporosi e gli sbalzi d’umore. È quindi consigliabile vincere la pigrizia e dedicarsi con costanza allo sport che preferite o anche semplicemente a lunghe camminate almeno 2-3 volte a settimana.

  • No vampate

    Seguire semplici regole “anti-vampate”

    Per contrastare o quantomeno diminuire la frequenza delle vampate di calore può essere utile preferire abiti e lenzuola di puro cotone, che permettono un’adeguata traspirazione delle pelle. Anche una dieta sana ed equilibrata può essere d’aiuto, soprattutto se si assume una buona quantità di soia, che grazie al suo alto contenuto di fitoestrogeni può ridurre sensibilmente questo disturbo. Da evitare invece alcol, caffeina, cibi speziati, pepe e peperoncino, che potrebbero innescare le scalmane. È stato inoltre dimostrato che le donne che praticano attività fisica soffrono meno di vampate.

  • Dormire bene

    Dormire a sufficienza

    Anche se è un sintomo sottovalutato, la menopausa è spesso caratterizzata anche da una bassa qualità del sonno. Per vivere al meglio questo periodo, dormire bene e a sufficienza è invece un aspetto importante, che aiuta a migliorare la qualità della vita e il tono dell’umore. Per combattere l’insonnia è utile cenare con piatti leggeri, evitando gli alcolici, e bere tisane a base di grifonia e iperico. Anche l’attività fisica o tecniche di rilassamento come lo yoga possono ridurre questo disturbo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE E BENESSERE
Torna su