Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Fibrillazione atrilale parossistica"

Mia madre soffre di fibrillazione atriale parossistica da circa 4 anni. Dapprima li avvertiva ogni 6 mesi circa in maniera leggera. Man mano che il tempo è passato si sono avvicinati sempre di più e con più gravità. La mamma è bradicardica dalla nascita (58 battiti di media), per cui alla fine delle fibrillazioni il battito scendeva pericolosamente. Adesso la frequenza delle fibrill. è di circa 15 giorni, ma il problema e che va in collasso per pressione bassa. Da dire che è allergica a molti degli antiaritmici che le hanno consigliato. Il cuore ripetutamente controllato è sano. Gli specialisti interpellati sconsigliano ogni tentativo invasivo.

Esatto, sono d'accordo con gli specialisti interpellati: nessun tentativo invasivo, il pacemarker serve per le FA con bassissima risposta ventricolare e quindi sono assolutamente uguali a un blocco cardiaco di 3 grado.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su