Pubblicità

Combattere la candida con i probiotici

I lattobacilli ripristinano l'equilibrio corretto della microflora vaginale e riducono il rischio di recidive.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 9 minuti
Candidosi ricorrenti

I lattobacilli ripristinano l'equilibrio corretto della microflora vaginale e riducono il rischio di recidive.

Si usa spesso il termine Candida come sinonimo di candidosi o candidiasi, cioè un’infezione causata da un fungo appartenente appunto alla famiglia della Candida.

Nella maggior parte dei casi responsabile dell’infezione è la Candida albicans, un ceppo fisiologicamente presente sulla mucosa del cavo orale, nella porzione terminale dell’intestino e sulla mucosa vaginale. La sua presenza non provoca alcun sintomo o fastidio in quanto viene tenuta sotto controllo dal nostro sistema immunitario e dai lattobacilli, batteri “buoni” che ci proteggono dalla proliferazione di microrganismi patogeni.

In determinate circostanze (come per esempio un calo delle difese immunitarie, alterazioni della flora batterica conseguenti per esempio a una cura a base di antibiotici, o, ancora, malattie come il diabete) questo fungo può però proliferare in maniera eccessiva, scatenando l’infezione e causando una vaginite da candida.

Si calcola che circa due terzi delle donne in età fertile ne abbiano avuto almeno un episodio nell’arco della propria vita, facendo i conti con sintomi fastidiosi, come prurito, bruciore e perdite biancastre (tipicamente descritte come simili alla ricotta).

Come si può curare

Quando compare un’infezione acuta da candida, va prevista una terapia con farmaci antimicotici. In genere, si tratta di derivati azolici, facilmente reperibili in farmacia e disponibili in diverse formulazioni (crema, ovuli vaginali ecc.), da applicare localmente in dose singola oppure una volta al giorno (di solito, la sera prima di coricarsi) per 3-5 o 7-10 giorni, a seconda dello specifico preparato utilizzato.

Gli antimicotici topici contro la candida sono acquistabili senza ricetta, ma se si tratta del primo episodio è comunque preferibile rivolgersi medico per essere certi che si tratti proprio di candida e curarla in modo adeguato. Per l’accertamento non servono esami del sangue: in genere oltre all’esame obiettivo può essere richiesto un tampone vaginale, un semplicissimo test che consiste nel prelievo delle secrezioni con un bastoncino di cotone. Il campione prelevato viene poi esaminato al microscopio per accertare quale sia l’agente patogeno all’origine del disturbo.

Il supporto del medico è, invece, sempre necessario per la terapia delle forme ricorrenti, più complessa, prolungata e delicata da gestire. La candidosi, infatti, può diventare cronica e recidivante, ossia tornare a rimanifestarsi più volte nonostante le terapie, anche perché la Candida tende a organizzarsi, soprattutto a livello vaginale, in una sorta di biofilm patogeno, in cui una rete di proteine e zuccheri la protegge dall’attacco dei farmaci e delle difese immunitarie.

Il trattamento di queste forme di solito si basa sulla somministrazione periodica di antimicotico locale (o per bocca) a dosaggi decrescenti, per diverse settimane o mesi. Purtroppo, gli esiti di questo tipo di terapia non sono sempre soddisfacenti.

Oltre a condizioni di base predisponenti, una delle ragioni alla base del fallimento del trattamento consiste nell’alterazione dell’equilibrio dell’ecosistema vaginale che di norma accompagna l’azione terapeutica dell’antimicotico e che facilita nuove infezioni.

Più protette con i lattobacilli

Pubblicità
Per prevenire questo inconveniente, sia dopo il trattamento di un episodio acuto sia negli intervalli tra trattamenti successivi delle forme ricorrenti, può essere utile avvalersi di prodotti probiotici vaginali, in grado di ripristinare una microflora endogena favorevole, che rappresenta la migliore difesa nei confronti di possibili recidive.

A livello della parete vaginale, come già ricordato, la mucosa ospita una flora batterica che offre un’importante barriera alle infezioni. Circa il 90% dei microrganismi presenti nell’ecosistema vaginale sano della donna in età fertile è costituito da lattobacilli, che ne mantengono il pH a valori tipicamente acidi (3,5-4,5) e lo proteggono da colonizzazioni micotiche e batteriche potenzialmente dannose. I lattobacilli, infatti, producono acido lattico, che contribuisce a mantenere livelli adeguati di pH, in modo che l’ambiente vaginale risulti inospitale per i germi.

Inoltre, i lattobacilli contrastano l’adesione (cioè l’aderenza all’epitelio della mucosa vaginale), la proliferazione e la crescita di microrganismi patogeni come la candida anche attraverso altri meccanismi. Si pensa infatti che i lattobacilli possano distruggere i biofilm già presenti sulle mucose vaginali grazie alla produzione di sostanze come l’acqua ossigenata e le batteriocine.

I prodotti probiotici a base di lattobacilli, sono indicati per ripristinare l’equilibrio dell’ecosistema vaginale alterato da terapie antibiotiche, situazioni di stress psicofisico intenso o protratto, cambiamenti significativi delle abitudini di vita, modificazioni fisiologiche o patologiche dell’equilibrio ormonale, uso di detergenti intimi inappropriati ecc.

Cosa sono i probiotici?

Secondo la definizione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, i probiotici sono microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell’ospite. Essi possono infatti riequilibrare la flora batterica dell’organismo.

Non vanno confusi con i prebiotici, nonostante la somiglianza dei nomi: questi ultimi, infatti, non sono microrganismi vivi, ma particolari tipi di sostanze che vengono assunte per favorire lo sviluppo e la crescita proprio dei microrganismi presenti nell’organismo, compresi quelli introdotti con i probiotici.

I probiotici non sono tutti uguali fra loro. Tra i più comuni ci sono i lattobacilli che, come visto, sono anche i principali batteri presenti nell’ecosistema vaginale.

Rispetto ai probiotici orali contro le infezioni da candida, le formulazioni in capsule vaginali da applicare localmente presentano il vantaggio di far arrivare i lattobacilli direttamente nel sito d’azione, in concentrazione più elevata e in modo più rapido. Inoltre, le capsule vaginali richiedono cicli di assunzione meno frequenti, con conseguente riduzione dell’impegno pratico e dei costi complessivi del trattamento.

Probiotici per candida: anche in gravidanza?

La gestazione rappresenta una situazione in cui l’equilibrio del microbiota vaginale, cioè della flora batterica presente a livello genitale, può risultare alterato, facilitando quindi la comparsa di infezioni.

In questo delicato momento della vita della donna, però, vaginiti micotiche come la candidosi oltre che causare fastidi di natura intima alla gestante, non sono in genere pericolose per il nascituro, mentre le infezioni batteriche vaginali vanno curate con tempestività, poiché potrebbero risalire lungo il canale vaginale e favorire un’infezione delle membrane amniotiche, aumentando il rischio di un parto prematuro.

L’assunzione di probiotici può essere quindi un utile strumento di prevenzione delle infiammazioni e delle infezioni materne, contribuendo a mantenere in equilibrio l’ecosistema batterico vaginale e, con esso, un livello di pH adeguato.

Occhio anche all’alimentazione

Assumere probiotici, in particolare lattobacilli, sottoforma di integratori alimentari o come capsule vaginali non è però sufficiente se si continua a seguire una dieta squilibrata, perché può alterare l’equilibrio e la composizione della flora batterica, contribuendo a favorire le recidive della candida. Seguire una dieta specifica, sotto la guida del ginecologo, è quindi uno dei primi rimedi naturali da attuare se si fa spesso i conti con una candidosi.

In genere si consiglia di ridurre drasticamente i cibi ricchi di zuccheri semplici, come dolciumi, gelati, bibite zuccherine, così come i cibi lievitati, perché nutrono il fungo e ne favoriscono la moltiplicazione. Meglio privilegiare alimenti come riso e pasta integrale (che contengono zuccheri complessi), verdura, legumi, frutta, uova, pesce, carne e olio d’oliva.

Roberta Sessa

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "CANDIDA"
VIDEO

Candida, ne soffro spesso, si può prevenire?

Come prevenire la candida

Igiene intima e regole generali: così puoi evitare le infezioni da candida.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

La candida si previene in 5 mosse

  • 1 igiene intima L’igiene intima, se eseguita in modo corretto, aiuta a prevenire tanti disturbi fastidiosi, tra cui le irritazioni vaginali e le malattie infettive. L’errore più comune è quello di considerare l’igiene intima femminile come una questione soltanto estetica: in parte lo è, ma soprattutto è una vera e propria prevenzione nei confronti di molti disturbi. Deve essere fatta quotidianamente e dovrebbe diventare norma di comportamento, da attuare in modo consapevole con azioni corrette ed efficaci a seconda dei casi.
  • 2 biancheria intima La biancheria intima deve essere di cotone. Questa fibra naturale infatti garantisce protezione e freschezza meglio di qualsiasi altra. Quando si indossano slip in tessuto sintetico infatti si rischia di non lasciare traspirare abbastanza la pelle, favorendo il ristagno di liquidi.
  • 3 assorbenti Gli assorbenti interni vanno bene, sono più confortevoli ed evitano di irritare le mucose esterne a patto però che siano cambiati spesso: mai tenerli più di 6-8 ore. In verità anche gli assorbenti esterni sono ok. Per un adeguato comfort intimo devono anch’essi essere cambiati spesso e, se si vuole, alternati con quelli interni.
  • 4 sedersi Fare attenzione dove ci si siede, soprattutto con il costume da bagno, è fondamentale per evitare la trasmissione e la crescita di germi nocivi. Meglio evitare di sedersi sui bordi delle piscine, sulle panche degli spogliatoi e sulle assi delle toilette, sulla sabbia. Meglio stendere sempre un asciugamano.
  • 5 costume bagnato Fuori dalla piscina e soprattutto in spiaggia, dopo il bagno nel mare, è opportuno non restare a lungo con il costume bagnato dal momento che può causare alterazioni delle difese naturali aumentando il rischio di irritazioni e predisponendo alle infezioni.

CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su