Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Colorazione dei genitali: quando preoccuparsi"

Nel verificare la presenza o meno di un' emorroide, ho visto dallo specchietto che la zona del clitoride e delle piccole labbra è marrone. Premesso che non ho mai fatto caso fin'ora a questo particolare (non so pertanto dire se sia sempre stato così), ho letto su internet che ciò potrebbe essere collegato a patologie tumorali (nel caso in cui il colore si sia modificato). Vorrei sapere se può essere "normale" avere tale zona di colore marrone o se è necessario un controllo ginecologico.

Il clitoride, le grandi e le piccole labbra sono spesso caratterizzate da un colore più scuro rispetto alle aree circostanti perché lo strato cutaneo che le ricopre è maggiormente pigmentato rispetto alla normale colorazione della cute. Ovviamente anche in questo ambito anatomico, come molti altri, vi possono essere delle ampie differenze personali. È naturale che una consulenza ginecologica può essere di grande ausilio nel tranquillizzare la psiche, anche perché i tumori ginecologici della vulva hanno a loro volta specifiche inconfondibili caratteristiche, che non si limitano solitamente alla iperpigmentazione della zona, ma includono aree arrossate e pruriginose, ulcere, ed altro ancora.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su