Pubblicità

Archivio Andrologo

  • A 19 anni con barba rada e mani e piedi piccoli

    Ho 19 anni, alto circa 1,70 m, mani e piedi tendenzialmente piccoli, pene credo appena nella media. La barba è ancora rada, la muscolatura, soprattutto quella superiore, stenta a svilupparsi nonostante la regolare attività fisica. Sul viso ho anche acne, ormai abbastanza leggera ma persistente. Sono possibili sintomi di un problema ormonale o solo una mia convinzione priva di fondamenti medici?

  • Analisi del liquido seminale e possibilità di fecondazione

    Mio marito ha solo un testicolo per via di un orchiectomia sinistra effettuata nel 2006. Oggi con uno spermiogramma risulta avere 5.000.000 di spermatozoi di cui (leggo il referto) 23% normali; 77% anormali (7% movimenti progressivi rettilinei veloci;12% mov.stentati;11% mov.ondulatori e di torsione,nn progressivi; 70% assenza di movimenti) Con questa situazione anche se il medico gli ha prescritto una cura di 3 mesi con gonasi, appena conclusa, che possibilità concrete abbiamo di poter concepire un figlio in maniera naturale?

  • Anoressia sessuale comparsa all'improvviso

    Ho il sospetto che mio marito sia affetto da anoressia sessuale. Posto che non vuole affrontare l'argomento e che sostiene di non aver bisogno di aiuto, mi può descrivere i sintomi e le cause e suggerirmi cosa fare per aiutarlo io stessa? Il nostro è stato un matrimonio d'amore fino a circa un anno fa. Poi all'improvviso si son diradati i rapporti e da 6 mesi evita qualsiasi contatto fisico. Non so cosa fare e cosa gli sia successo. Non ha un'altra donna e siamo sposati da 25 anni. Abbiamo 50 e 49 anni e la nostra intesa fino ad allora era perfetta.

  • Anorgasmia con la partner

    Sono un signore di 46 anni. Da circa 8/9 mesi soffro di anorgasmia che si manifesta sempre più nei rapporti con mia moglie. La cosa strana è che con l'autoerotismo non ho questo problema. Ho fatto i controlli del sangue sulla prostata come il psa ed è tutto nella norma. Eiaculo e urino senza problemi e senza alcun dolore. Preciso che per problemi di vertigini, il vestibologo mi ha prescritto 3 gocce di clonazepam 2 volte al dì che prendo da 5 anni. Ho tentato di togliere queste gocce ma si ripresentano le vertigini.

  • Anorgasmia da paroxetina

    Domanda 1 Sono in terapia con paroxetina e mi ha reso anorgasmico. Visto che non vorrei sostituirla, mi chiedevo se esiste un farmaco da assumere per aiutarmi a riprendere la mia vita sessuale, tra l'altro sto con una compagna da poco e quindi la mia incapacità di raggiungere l'orgasmo mi crea grande imbarazzo. Non riesco nemmeno con la masturbazione: mi sento il pene anestetizzato.

  • Antistaminico e sessualità

    Il mio ragazzo prende delle pillole per l’allergia, ovvero levocetirizina dicloridrato, volevo chiederle se questo farmaco potrebbe apportare qualche cambiamento o manifestazione anomala a livello sessuale.

  • Aspetto femminile del corpo in un maschio diciottenne

    Sono un ragazzo di 18 anni, ma il mio corpo non somiglia affatto a quello di un maschio, a partire dai fianchi che sono più da ragazza, visto che sono molti grandi, ad arrivare a glutei e cosce che hanno aspetto femminile. È una disfunzione? Si può curare?

  • Bicicletta e prostata

    Uscire in bici per delle passeggiate può danneggiare la prostata? Io ho un valore PSA di 98.

  • Bruciore alla minzione che persiste per diversi minuti

    Talvolta mi capita, immediatamente dopo aver avuto un rapporto sessuale, di sentire quando urino bruciore all'interno della cavità del pene, cioè il tratto che va dai testicoli al glande soprattutto nella parte più vicina a quest'ultimo. Dopo aver terminato l'espulsione urinaria il bruciore continua per diversi minuti ed molto fastidioso tanto da farmi interrompere qualsiasi azione io voglia fare anche il semplice stare fermo, il più delle volte lo lavo accuratamente solo con acqua ma il bruciore continua.

  • Calo drastico del desiderio: saranno i farmaci che assumo?

    Ho 57 anni, da quattro curo un’insufficienza renale cronica autoimmune anche con antipertensivi a protezione del rene. A causa di ansia e depressione, assumo da 2 anni paroxetin e gabapentin. Con la paroxetina ho registrato qualche deficit erettile e da diversi mesi un calo drastico del desiderio. Su consiglio del medico ho fatto esami clinici con i seguenti risulati: LH 2,17 mlU/ml; Prolattina 15,87 ng/mL; testosterone plasm 4,44 ng/mL; testosterone libero: 9,94 pg/mL. Prima di questi problemi, mi ha sempre caratterizzato una libido a volte dirompente alternata a fastidiosi periodi di calma piatta. Cosa mi consiglia?

  • Carenza di desiderio con difetti di erezione

    Con la mia fidanzata precedente (all'epoca avevo 18 anni) avevo una vita sessuale attiva ed è sempre andato tutto bene. Con l'attuale ragazza, invece, non riesco ad avere un rapporto. Il mio pene sembra non voler completare l'erezione in sua presenza (cosa che invece avviene tranquillamente con l'automasturbazione). All'inizio pensavo si trattasse di ansia da prestazione, ma io con lei sono tranquillissimo. Mi sono poi reso conto che la causa di tutta questa disfunzione poteva forse essere attribuita all'assunzione di creatina, della quale faccio uso (a cicli alterni) da quasi un anno per scopi sportivi. Può la creatina aver creato in me disfunzioni ormonali, tanto da abbassare il desiderio?

  • Chirurgia del pene, quali indicazioni

    Quando è possibile ricorrere alla chirurgia per ingrandire il pene?

  • Cisti dell'epididimo

    Una cisti dell'epididimo di circa 7 mm non impedisce il regolare flusso spermatico? Se sì, con quali conseguenze?

  • Clamidia e perdite anche dopo trattamento

    Tempo fa mi è stata riscontrata la clamidia, per la quale mi hanno prescritto una cura antibiotica. Al termine ho rifatto le analisi (tampone), che sono risultate negative, ma la mattina ho sempre una piccolissima perdita di liquido trasparente: come mai?

  • Coenzima Q10 nell'induratio penis plastica

    Per la cura della Induratio Penis Plastica sto assumendo una serie di antiossidanti (vit. E, silimarina, ginkgo biloba) e la pentossifillina, oralmente ogni giorno e per iniezione periplacca ogni due settimane. Molti andrologi, per la stessa malattia, prescrivono anche l'assunzione di coenzima Q10. Volevo chiederle se posso introdurre anche io questo potente antiossidante nella mia terapia o se può interferire con l'azione della pentossifillina, trattandosi di un fibrinolitico.

  • Controllo della prostata: quando e come farlo

    Volevo porgerle una semplice domanda circa il controllo alla prostata, io ho 40 anni non ho disturbi di alcun tipo o altri problemi di salute, è comunque consigliabile eseguire la visita alla prostata? In che cosa consiste esattamente questa visita?.

  • Criptorchidismo e rischio di tumori

    Sono un giovane di 24 anni. All'età di 4-5 anni sono stato operato al testicolo dx a causa del criptorchidismo; già allora, dopo l'operazione, era stato rilevato che il testicolo era rimasto lievemente ipotrofico. Ho effettuato l'ultimo controllo all'età di 11 anni e poi non l'ho più fatto controllare, ma posso confermare che anche dopo lo sviluppo il testicolo dx è rimasto decisamente più piccolo rispetto al sx. Quanto è bene che tenga monitorato il testicolo ipotrofico? Attualmente non mi dà particolari dolori o fastidi, ma ho letto che potrebbe essere più soggetto a tumori, è vero?

  • Cura con testosterone e andamento dell'alopecia

    Ho vent'anni e soffro di alopecia androgenetica e, negli anni, mi sono aumentati in modo incredibile i peli corporei. Con l'uso di testosterone, che mi è stato prescritto perché nelle ultime analisi è risultato più basso dei limiti, aumenterà la caduta dei capelli? E se sì, come posso ovviare a tale problema?

  • Curva di cedimento del pene, che fare

    Sono un uomo di 63 anni, circa 10 mesi fa credo di avere avuto una frattura del pene. La cicatrizzazione spontanea è ormai avvenuta e adesso ho una erezione con una curva di cedimento, che non ho mai avuto, un pò sotto il glande. Vorrei sapere se è ancora possibile effettuare una manovra di correzione chirurgica, o altresì l'esistenza di altre manovre correttive.

  • Deficit erettile dovuto all'ansia

    Ultimamente ho difficoltà nell'erezione.. però so che è una cosa psicologica... ansia! Come potrei risolvere?

  • Deficit erettile e prediabete

    Ho 49 anni e soffro di deficit erettile da quando ne avevo 26. I rimedi che con successo mi hanno aiutato prima di sildenafil e tadalafil sono stati dei vasodilatori periferici e i fosfolipidi ipotalamici che agiscono sull'ipofisi. Nel tempo l'effetto di sildenafil e simili è andato scemando, ho tutti gli ormoni sessuali (testosterone, fsh e lh) bassi/normali e ho scoperto 8 anni fa di avere l'emoglobina glicata a 6,1 e l'omocisteina intorno a 14: ha un nesso tutto ciò con quello che sto sopportando? Sono prediabetico e ciò mi sta dannggiando già?

  • Deficit erettile momentaneo a 17 anni

    Ho 17 anni e ieri volevo farlo per la prima volta con la mia fidanzata, che amo da impazzire e con la quale sto da 3 mesi. Siamo entrambi vergini. Le ho fatto molti molti preliminari, era davvero molto bagnata e mi sembrava anche molto a suo agio. Il punto è che a me praticamente non si alzava. Oppure si alzava ma l’erezione era relativamente debole rendono impossibile questo momento magico a cui tanto tenevo. Il punto è che mi sembra così strano che non mi si alzasse comunque in un momento di intimità del genere, quando invece quando mi masturbo si alza e anche parecchio. Cosa devo fare?

  • Diabete di tipo 1 e infertilità maschile

    Vorrei sapere se il fatto che mio marito è diabetico di tipo 1 insulino-dipendente da circa 12 anni può essere causa dei problemi di fertilità che abbiamo riscontrato. Stiamo provando ad avere un figlio da 4 mesi e ancora nessun risultato. Io seguo regolarmente le visite ginecologiche e non ho alcun problema che possa incidere sulla mia fertilità. Ho ovulazioni regolari. Utilizzo test di ovulazioni ogni mese per identificare i giorni migliori per concepire. Ma ancora niente. Temiamo che il diabete abbia interferito sulla sua fertilità. Premetto che abbiamo lui 34 e io 26 anni e che non abbiamo altri problemi di salute.

  • Diabete e disfunzione erettile

    È possibile che da quando ho il diabete sia diventato inpotente?

  • Diabete tipo 1 non controllato e infertilità

    Il mio compagno, di 42 anni (diventato padre nel 2003) soffre dal 2001 di diabete 1 che cura molto poco e male. Da un anno e mezzo cerchiamo un bambino che non arriva. Lui ha l'emoglobina glicosilata a 12: può essere questo il motivo per cui non arriva la gravidanza? Se si, può risolversi una volta che il valore rientra nei parametri normali? Io ho 37 anni e dagli accertamenti risulta tutto a posto.

  • Difficoltà erettili dopo vaccinazione antinfluenzale

    È possibile che mio marito, 42enne, dopo un vaccino influenzale non abbia più erezione? Può essere questo fattore la causa?

  • Dimensioni del pene a 12 anni e sviluppo puberale

    Mio figlio ha 12 anni compiuti e ho notato che la lunghezza del suo pene è più o meno come qualche anno fa circa 3-4 cm e anche quando accenna a una erezione si allunga al massimo di 1 cm, volevo chiedere se è normale a questa età. Gli gli stanno crescendo i peli su pube e testicoli. Con lo sviluppo diventerà normale o bisogna fare qualcosa? La lunghezza può essere ereditaria, considerando che il mio in erezione arriva a 8-9 cm?

  • Disfunzione erettile da inquadrare

    Soffro da qualche anno di disfunzione erettile: le ultime analisi che ho fatto mi dicono che ho valori bassi di testosterone libero e di DHT mentre l'FSH e il paratormone sono alti e il testosterone è nella norma. Dove sono andato mi fanno capire che la mia DE è di natura psicologica. Mi può spiegare, per favore, come mai i valori suddetti sono fuori range ? Mi hanno dato da prendere vardenafil e avanafil al momento del bisogno, ma è come prendere dell'acqua fresca!

  • Disfunzione erettile di origine psicogena

    Da moltissimo tempo soffro di disfunzione erettile e tutte le visite specialistiche a cui mi sono sottoposto hanno evidenziato una patologia psicologica. Mi sono sottoposto a molte sedute tra psicologi e psicoterapeuti sessuologi senza venire a capo di nulla. Ogni volta che mi sottoponevo a queste sedute e fatte le domande di rito non si riusciva mai a capire quale fosse il problema che mi angustia. Quale strada posso intraprendere per avere una vita sessuale soddisfacente? sottoponendomi ad ipnosi riuscirò a venire a capo di questo problema?

  • Disfunzione erettile e bisessualità

    Ho 45 anni e una vita sessuale movimentata. Sono sposato da 20 anni, ma sono sempre stato bisessuale. Ora ho problemi di erezione, ma non so se siano di natura fisica perché da solo raggiungo l'erezione e anche la mattina fino a quando non vado in bagno ho il pene eretto. Con mia moglie non c'erano mai stati problemi, ma da circa 3-4 mesi non riesco a raggiungere l'erezione. Il fatto che io faccia sesso anche con uomini può influire?

  • Disfunzione erettile, cause e cure

    Vorrei avere qualche delucidazione sulla disfunzione erettile. Io sapevo che è una malattia della terza età, ma un amico, assai giovane, mi ha raccontato che lui ha questo problema da qualche tempo. Allora può venire anche prima dei 40 anni? Quali sono le cause? È un disturbo passeggero o necessita di cure per sempre?

  • Disfunzione erettile, quale percorso diagnostico

    Un paio di mesi fa ho avuto un rapporto con una ragazza e alla prima volta è andato bene anche se sentivo di non avere un'erezione perfetta. La seconda volta invece, preoccupato, è andata male. Da qui ho iniziato a pensare che ci fosse qualcosa che non andasse. E mi è sembrato che le mie erezioni fossero meno durature e meno intense, e ho anche notate che non tutte le mattine le ho. Ho sentito il mio medico che ha pensato subito che fosse un problema di testa (premetto che sono uscito da non molto da una relazione di 4 anni), in via precauzionale abbiamo fatto gli esami del sangue per controllare i livelli di testosterone che sono tutti regolari. Io non riesco bene a capire cosa stia succedendo.

  • Dispositivo per allungare il pene

    Volevo sapere qualcosa in più riguardo a un attrezzo visto su Internet che serve per allungare il pene: è una pompa ad acqua per l'allungamento del pene: non chiedo un'opinione sui risultati, ma soprattutto vorrei sapere se può provocare danni.

  • Disturbi al glande che non si risolvono

    Sono un ragazzo di 27 anni e da un paio di mesi il mio glande ha un cattivo odore, anche pochi minuti dopo essermi lavato. Noto, sempre sul glande, una leggerissima discromia con parti che sembrano più chiare come se ci fosse una patina bianca e se "sfrego" delicatamente il glande si formano tutte pellicine. Al tampone balano/uretrale sono risultati assenti: Trichomonas, Candida, Clamydia, Ureaplasma, Mycoplasma e Strept. Beta (B). A volte lamento anche un leggero bruciore al glande dopo la masturbazione che passa dopo poche ore. Ho sofferto in passato di candida al glande curata con antimicotici orali e creme locali. Cosa posso fare per risolvere?

  • Disturbi della sessualità dopo assunzione di finasteride

    Da quasi 4 mesi assumo, dietro prescrizione medica, 1 mg di finasteride.Finora ho osservato come unico effetto collaterale la perdita di erezione mattutina. Ho due domande: 1) la comparsa di questo effetto collaterale è grave o posso continuare ad assumere il farmaco con la consapevolezza che tale effetto cesserà una volta sospeso? 2) l'effetto collaterale rimarrà di tale intensità o aumenterà o peggio ancora ne compariranno altri?

  • Dolore al testicolo, ruolo di varicocele ed ernia

    Salve sono un uomo di 49 anni e soffro da un po' di tempo di dolori al testicolo sinistro. Il mio urologo, dopo visita ed ecografia, mi riferisce che non c'è nulla: riscontra delle piccole cisti sul testicolo e un accenno di varicocele che, comunque, non dovrebbero provocare i fastidi che accuso. Io soffro di problemi alla schiena; ho subito nel 2011 un intervento per una ernia L3-L4 e ho una ernia L5-S1 non operata e che mi da problemi alla gamba sinistra, e ho notato che i dolori alla schiena e al testicolovanno e vengono simultaneamente come se ci fosse un collegamento tra i due: è possibile?

  • Dolore testicolare cronico

    Ho da tempo un fastidio al testicolo destro. Il medico mi ha fatto notare che il dotto deferente é piu grande di quello di sinistra. Possibile infezione? Il dolore compare piu fastidioso dopo eiaculazione. Inoltre ho anche una protrusione alla colonna vertebrale nel disco che comprende i testicoli. Puó essere la causa di tale fastidio?

  • Doxazosina nell'ipertrofia prostatica benigna

    Vorrei sapere quanto tempo impiega la doxazosina per fare effetto sull'ipertrofia prostatica benigna.

  • Drastico calo di desiderio sessuale

    Ho 57 anni, da 4 curo un’insufficienza renale cronica autoimmune anche con antipertensivi a protezione del rene; a causa di ansia e depressione, assumo da 2 anni 30 mg di paroxetina e 100 di gabapentin al dì. Con la paroxetina ho registrato qualche deficit erettile e da diversi mesi un calo drastico del desiderio, causa questa di molto disagio. Su consiglio del medico di famiglia ho fatto esami clinici per verificare LH, Prolattina, testosterone plasm. e libero senza evidenziare grandi alterazioni. Cosa mi consiglia?

  • Durata media di una erezione

    Patologie e farmaci esclusi, qual è la durata normale di una erezione media? Può essere di 20/28 minuti anche in persone non "allenate"? Ovvero, quale può essere considerata normale la durata di una erezione e quale raggiungibile solo con farmaci o altri ausilii?

  • Effetti della circoncisione sulla sensibilità

    Ho di recente subito una circoncisione, non per un motivazione patologica ma come profilassi visto che andrò a lavorare nei paesi del terzo mondo. Hanno lasciato tutto il glande scoperto anche a riposo. Non avevo fimosi, il prepuzio scorreva bene lungo il pene sia in erezione che a riposo. In più a 19 anni durante un rapporto sessuale ho subito la rottura del frenulo, da quel momento la mia è sensibilità è anche aumentata. le mie domande sono queste: rispetto a chi è affetto da fimosi, il mio glande è già meno sensibile? Quanto ci mette il glande a cheratinizzarsi? Si può accelerare il processo con qualche prodotto? Inizialmente a livello sessuale avrò più sensibilità e di conseguenza si ridurrà la mia durata? In un secondo momento avrò invece perdita di sensibilità?

  • Effetti della saliva sullo sperma

    volevo sapere: usare la saliva come lubrificante degli organi genitali maschili e femminili prima del rapporto, in modo da aiutare la penetrazione e renderla meno dolorosa crea problemi al concepimento? In poche parole la saliva che si trova sul pene, una volta che viene a contatto con lo sperma lo rende inefficace ai fini del concepimento?

  • Effetti sulla prostata dell'attività sessuale

    Vorrei chiedere una cosa insolita: è vero che la masturbazione maschile o il rapporto sessuale fanno bene alla prostata o possono invece portare a infiammazioni? Le chiedo questo perché girando in Internet ho trovato pareri opposti.

  • Eiaculazione precoce, cause e rimedi

    Ho 19 anni e durante il rapporto ho scoperto di soffrire di eiaculazione precoce. Vorrei poter risolvere questo problema che mi sta creando parecchio imbarazzo. Vorrei sapere da cosa potrebbe essere causata, quali sono le analisi da fare e si può risolvere in altro modo oltre che con le creme o spray ritardanti.

  • Eiaculazione precoce: che cosa fare

    Soffro da 5-6 mesi di eiaculazione precoce con mia moglie. Prima non è mai stato così: c’è qualcosa da fare?

  • Epididimite e orchite con recidiva

    Circa un mese fa ho avuto un'epididimite che è sfociata in orchite al testicolo destro. Terapia con levofloxacina e ibuprofene e in circa 10 giorni ero guarito, sentivo solo, alla palpazione, l'epididimo indurito. A distanza di un mese ho avuto una recidiva prima all'epididimo sinistro e ora anche un'orchite. Non ho rapporti al di fuori del matrimonio, ma ho frequenti rapporti con mia moglie (4/5 a settimana). Quali cause possono aver scatenato ciò? Due tre giorni dopo la remissione dei sintomi la prima volta, ho avuto un rapporto con mia moglie, troppo presto?

  • Episodi di erezione non completa a 31 anni

    Vorrei una delucidazione: negli ultimi mesi mi è capitato più di una volta di avere problemi di erezione. La mia compagna è la stessa da un paio di anni e l'attrazione che ho verso di lei non è diminuita. Ho sentito dire che la disfunzione erettile è una malattia che viene dopo una certa età, mentre io ho solo 31 anni. Può essere una cosa passeggera o mi devo preoccupare?

  • Eventuali influenze negative della masturbazione

    Vorrei sapere se il fatto che un uomo di 43 anni, con buona salute generale che non fa mai sesso e ricorre abitualmente alla masturbazione può causare danni in qualche modo psicologici o fisici.

  • Farmaci cardiovascolari e funzione erettile

    Quali farmaci antipertensivi (e cardiovascolari in genere) possono influire sulla funzione erettile? Io ho 48 anni e assumo doxazosin 5 mg.

  • Farmaci contro gli attacchi di panico e fertilità

    Io e mio marito cerchiamo un bambino da quasi un anno. Il nostro dottore ci ha fatto eseguire uno spermiogramma, dicendoci che i valori di riferimento sono al di sotto di un punto, ma che non è una situazione drammatica. Mio marito prende da irca un anno paroxetina alla quale, in passato, ha associato 10 gocce di alprazolam che non prende più da 5 giorni: tali farmaci potrebbero interferire negativamente con la gravidanza da noi cercata?

  • Farmaci e disfunzione erettile

    Vorrei sapere se l'assunzione di levotiroxina può portare problemi di disfunzione erettile.

  • Farmaci per la disfunzione erettile, quando non funzionano

    Ho 55 anni e non so davvero che cosa mi sta succedendo. Da qualche tempo avevo delle difficoltà a fare sesso perché le erezioni non erano più come prima. Dato che sono un uomo sano, non ho disturbi al cuore né altre malattie ho provato a prendere le pillole per l’erezione. Mi aspettavo che con quelle le mie difficoltà fossero superate, invece niente. È possibile? Ne ho provata più di una (anche come marca) ma niente. Per quale ragione non funzionano? Il mio medico mi ha fatto fare certi esami per gli ormoni e dice che il testosterone è basso: secondo lei può essere questa la causa? E come mai è basso?

  • Fastidi all'inguine dopo operazione per ernia

    Sono stato operato di ernia inguinale con operazione “a cielo aperto”. Il postoperatorio è andato bene, la sera ero a casa, dopo una settimana ho tolto i punti e dopo due settimane ho ripreso a lavorare. A distanza di tre mesi, però, lamento ancora un certo intorpidimento nella sede dell’operazione e all’inguine, fin sotto i testicoli, a volte qualche pizzicamento e l’altro giorno, dopo aver fatto una camminata di due ore e mezza a passo medio/veloce, un fastidio sempre all’inguine, come se fosse di tipo muscolare. È normale e sono fastidi che mi passeranno col tempo? Potrò riprendere trekking di più giorni con camminate di circa 25-30 chilometri al giorno?

  • Fimosi e rapporto di coppia

    La fimosi può incidere sul rapporto di coppia? Il prepuzio indietreggia solo nel rapporto sessuale, ma con un po' di dolore: devo sottopormi a qualche operazione?

  • Finasteride per la caduta dei capelli

    Sono un ragazzo di 23 anni e scrivo perché da un anno a questa parte ho iniziato a perdere capelli. Su consiglio di un dermatologo sarei intezionato ad assumere finasteride per risolvere il problema della caduta. Prima di iniziare con la cura ho preferito parlare con un andrologo, il quale mi ha fatto sorgere dei dubbi sia per i possibili effetti collaterali (quali disfunzioni erettili, calo del desiderio, dolore testicolare, ecc) sia per i problemi irreversibili che potrebbero presentarsi.

  • Fino a che età un uomo rimande fertile

    Volevo chiedere fino a che età rimane fertile un uomo, soprattutto se pratica sport, si alimenta in maniera corretta e ha un tenore di vita sano.

  • Frequenti polluzioni notturne

    Ho 20 anni e soffro di polluzioni notturne da oltre un anno e mezzo. Questi disturbi mi portano a eiaculare anche 2-3 volte in una sola notte e vorrei smettere. Il divario massimo tra una e l'altra è stato di 5 giorni. Vorrei sapere se esiste una terapia che mi possa aiutare.

  • Ginecomastia a 21 anni, quali cure possibili

    Sono un ragazzo di 21 anni e da quando avevo 14-15 anni i miei capezzoli hanno subito un mutamento e si sono ingrossati notevolmente. Sono alto 1,86 e peso 92 kg (non sono né magro né grasso). Non svolgo molta attività fisica oltre al movimento che faccio lavorando (sono un elettricista). Navigando su Internet in cerca di alcune recensioni ho letto della possibilità di assumere ormoni oppure altra soluzione (da me non molto gradita) è la chirurgia. Sottolineo che ho anche difficoltà nella crescita della barba, che è molto limitata. Ci sono altre cure possibili?

  • Grasso nella zona pubica e addominale e dimensioni del pene

    Vorrei sapere se i depositi di grasso nella zona pubica e addominale influiscono sulla dimensione del pene. Nel mio caso, presento depositi nelle suddette zone e il pene misura 8 cm flaccido, 13 eretto.

  • Haemophilus parahaemolyticus senza sintomatologia

    Sono un uomo di 42 di anni. Un mese fa ho eseguito un tampone uretale e nell'esame colturale sono risultate alcune cellule epitetali, rari leuocociti e alcune colonie di Haemophilus parahaemolyticus. Non ho bruciori, né perdite di pus o sangue. Il medico diceva che questi batteri si posso trasmettere anche per via area, ma non di non preoccuparmi; l'assenza di altri sintomi fa presumere che sia tutto normale e mi ha consigliato di ripetere l’esame. Nel caso si confermasse la presenza di questi batteri questo può dare problemi nei rapporti sessuali completi e orali? Il contatto con lo sperma attraverso le mani o sulla pelle può trasmettere i batteri alla mia compagna? In attesa di ripetere il tampone è possibile avere rapporti sessuali senza preservativo?

  • HPV nell'uomo senza sintomi: come diagnosticarlo

    Ho 31 anni e negli ultimi mesi ho avuto rapporti sessuali con due ragazze, entrambe dopo poco tempo hanno manifestato condilomi vicino all'ano. Io non ho nessun sintomo e il mio medico di base mi ha consigliato di fare un tampone prepuziale + un tampone uretrale. Volevo sapere se questi esami sono efficaci per diagnosticare tale patologia e, qualora io risultassi positivo, se sono destinato ad avere a che fare tutta la vita con tale virus, contagiando di conseguenza tutte le donne con cui avrei rapporti non protetti oppure è possibile debellare definitivamente questo virus.

  • Impatto di paroxetina e quetiapina sulla sessualità

    Dopo una terapia con paroxetina e quetiapina la mia sessualità è morta. Ho eseguito ecodoppler penineo con sola PgE prima e poi con PGE e fentolamina; in questo secndo caso l'erezione è durata circa 6 ore e sono finito al prontosoccorso. Mi aiuto con tadalafil ogni 3 giorni e copro tutta la settimana ma il desiderio è nullo. Non capisco se c'è un problema oppure no. Nei periodi in cui c'è un po' di desiderio riesco a stare con mia moglie anche se l'ansia è enorme senza usare aiuti. Che posso fare per capire?

  • Influenza dell'oligoastenotetrasospermia sui risultati dell'ICSI

    L'oligoastenotetrasospermia può essere la causa di sei tentativi ICSI falliti? La scarsa qualità dello sperma può essere la causa della morte di embrioni allo stato blastocisti e del loro mancato attechimento?

  • Infusi di zenzero nella prostatite

    Salve, ho una prostatite cronica e volevo sapere se posso bere infusi allo zenzero. Lo bevo perché ho letto che contiene una buona dose di zinco che, a sua volta, dà benefici alla prostata.

  • Intervento per frenulo prepuziale corto

    Sono un ragazzo diciannovenne e dovrei, una volta messo insieme il coraggio necessario, risolvere un problema di frenulo corto che mi impedisce di avere rapporti sessuali. Ciò che mi preoccupa non è l'operazione, ma il periodo post-operatorio. Vorrei chiederLe cosa comporta tale intervento, quanto tempo passi prima di poter riacquistare una buona libertà di movimento (sono uno sportivo, questa è la mia preoccupazione principale), e se il tutto sarà o meno doloroso.

  • Ipoglicemia dopo i rapporti sessuali

    Soffro di diabete di tipo 1 da più di 8 anni (ne ho quasi 39). Ho sempre tenuto perfettamente sotto controllo la mia glicemia, e le mie analisi risultano sempre perfette.Eppure ormai da più di un anno ho difficoltà a raggiungere la piena erezione. Inoltre ho molte difficoltà a mantenerla e sempre vado in ipoglicemia durante il rapporto. L'ultima volta ho fatto 4 unità di insulina in meno dopo la cena, ma appena iniziato, mi sono ritrovato con la glicemia a 49 senza apparente motivazione. È possibile che il solo meccanismo per l'erezione mi porti alla ipoglicemia? Che tipo di analisi mi consiglia? Da un andrologo o diabetologo?

  • Ipogonadismo e dimensioni del pene

    Soffro da sempre di ipogonadismo. Ho avuto un ritardo dello sviluppo e, purtroppo, non mi è mai stato risolto del tutto il problema, anche se è stato migliorato grazie ad alcune cure fatte, nel tempo, sotto consiglio di endocrinologo e andrologo. Ora ogni 3 settimane faccio delle dolorosissime punture di testosterone: i testicoli si sono ben sviluppati ma il pene risulta piccolo e in erezione non è molto duro. A parte l'operazione, ci sarebbe un farmaco o un apparecchio adatto per allungarmi un po’ il pene ed avere erezioni dure e che, magari, durassero un poco di più? In internet ho letto cose miracolose su prodotti erboristici o meccanici a trazione e sul testosterone: ma sono cose serie?

  • Ipogonadismo, che cos'è

    Vorrei alcune spiegazioni a quanto mi è accaduto. Ho 48 anni e da qualche tempo mi sentivo stanco e avevo difficoltà a concentrarmi senza una ragione: il mio ritmo di vita è lo stesso da molti anni e ultimamente non ho fatto nulla di diverso. Anche la mia vita sessuale ne ha risentito, sia come desiderio sia come possibilità di portare a termine l’atto sessuale in un modo soddisfacente. Il medico mi ha detto che devo fare delle analisi perché potrebbe essere una forma di ipogonadismo. Che cosa vuol dire? È grave? Cosa devo fare?

  • Ipospadia anteriore, conseguenze e cure

    Volevo sapere quali problemi mi può creare l'ipospadia anteriore se non prendo provvedimenti. Ho 35 anni: vado incontro a malattie di altro genere? È consiglibile l'intervento chirurgico?

  • Ischemia cardiaca, betabloccante e disfunzione erettile

    Ho 46 anni e nel 2008 ho avuto un ischemia cardiaca e da allora assumo betabloccante. Dopo qualche mese ho iniziato ad avere disturbi di disfunzione erettile e ultimamente il problema è sempre più insistente: sono molto demoralizzato! Posso interrompere il betabloccante? Che rischi corro?

  • La corretta igiene del pene

    Provo fastidio e sono molto sensibile quando mi scopro il pene per lavarlo: occorre lavarlo tutti i giorni? C'è qualche prodotto specifico? Bisogna asciugarlo?

  • Lacerazione del frenulo al primo rapporto

    Sono un ragazzo di 18 anni. Due giorni fa ho avuto il mio primo rapporto completo con la mia ragazza. È andato tutto bene però ieri mattina mi sono accorto di avere una leggera lacerazione del frenulo che mi provoca molto dolore, anche nell'atto della minzione. Vorrei chiedere se è normale avere questa lacerazione in seguito al primo rapporto sessuale e quali sono i tempi per la guarigione. Eventualmente, quanto tempo è consigliato aspettare per avere successivi rapporti?

  • Libido annullata dopo triplice by-pass coronarico

    Prima dell'intervento di triplice by-pass coronarico avevo forte desiderio e libido che dopo l’operazione sono spariti quasi del tutto, forse per tutti i medicinali (beta bloccanti - nitroglicerina - alfa bloccanti ecc. ecc.) che mi hanno fatto prendere, e adesso sono 10 anni che non ho più rapporti con mia moglie. Sono stato operato nel 2002. Non ho avuto infarto. Prendo giornalmente Asa e bisoprololo. Il cardiologo ha detto che posso prendere il sildenafil, però se non c'è il desiderio come fare?

  • Liquido seminale denso e giallo

    Vorrei sapere: quando il liquido seminale dell'uomo è molto gelatinoso e con grumi giallognoli potrebbe essere sterile?

  • Liquido seminale giallo scuro

    Se non eiaculo tutti i giorni, il mio liquido seminale tende ad assumere consistenza gelatinosa e colore giallo scuro dandomi un pò di dolore quando viene eiaculato in questo stato. È pericoloso?

  • Lo scarso controllo del riflesso eiaculatorio

    Ho 24 anni. Ho sempre avuto problemi a durare nel rapporto sessuale, ma nell'ultimo anno le cose mi sembrano peggiorare infinitamente. Non ho più la ragazza da un anno circa, ma già nelle semplici masturbazioni spesso non arrivo a durare neanche due minuti. So che l'atto masturbatorio è diverso da quello sessuale, ma in passato non avevo problemi così grossi. Sono terrorizzato dall'incontrare nuove ragazze perché rassegnato all'idea che basta un cortissimo preliminare e io non mi trattengo. Cosa posso fare?

  • Mancanza di piacere e di erezione soddisfacente

    Sono stato depresso fin dai miei diciotto anni, colpa di amicizie sbagliate e di decisioni sbagliate prese dai miei genitori sulla mia vita. Ho sistemato la mia vita e, adesso, a ventisette ho una, diciamo, bella vita. Non una vita da favola, ma potrebbe andare peggio. Sono obeso e, oltre ad avere una durata dell'erezione infelice, non provo piacere a masturbarmi né ad avere rapporti orali. Anche se provo ad accendere il mio desiderio, non riesco a diventare duro come quando avevo sedici, diciasette anni. Ho meno di trent'anni, spero sia causato solo dal mio peso infelice. O dice che potrebbe essere causato anche da una leggera incurvatura del pene verso sinistra?

  • Migliorare la qualità del liquido seminale con metodi naturali

    Esistono metodi naturali per aumentare la motilità e la quantità degli spermatozoi? E qual è la cosa più importante: il numero degli spermatozoi o la loro motilità?

  • Modalità di eiaculazione: quanto incide sulle possibilità di gravidanza

    Io e mio marito siamo in cerca di un figlio. Però mio marito, quando eiacula, non spruzza bensì cola. Questo incinde negativamente sulla possibilità di restare incinta?

  • Mucolitico per liquido seminale viscoso

    Mio marito ed io ci stiamo sottoponendo a trattamenti di procreazione assistita per un'infertilità parzialmente maschile e femminile. Durante l'ultima ICSI ci hanno fatto notare che il liquido seminale di mio marito presentava una viscosità estremamente elevata. Alla mia domanda se si trattasse di un'infezione la biologa ha precisato "infiammazione non infezione" e ha consigliato di seguire una cura a base di acetilcisteina (mucolitico) per un paio di mesi. Vorrei un suo parere in merito.

  • Occasionale difficoltà di erezione a vent'anni

    Sono un ragazzo di 20 anni. In questi 3 giorni ho notato di avere difficoltà di erezione e ciò mi provoca ansia e paura. Il mio problema consiste una grossa diminuzione di eccitamento; per adesso ho delle erezioni mattutine "regolari", ma durante il giorno completamente niente e devo essere io a stimolarmi per avere il pene eretto che, peraltro, lo rimane per poco tempo. Essendo abituato a eccitarmi subito in poco tempo, mi sento moralmente a zero. Quando si parla di erezione difficoltosa? È un argomento grave? Che cosa consiglia in casi come questo?

  • Orgasmo femminile, una delucidazione

    La mia ragazza sostiene di provare piacere e di poter arrivare all'orgasmo solamente con il sesso orale. Dice che nella sua vita è sempre stato così, anche con partner precedenti. Questa situazione mi mette un po’ a disagio anche perché per me non è mai stato così. Cosa si potrebbe fare? È possibile che una ragazza raggiunga l'orgasmo solamente in questa maniera?

  • Patina bianca sul glande

    Ho 29 anni e ogni tanto mi capita, come in questo periodo, di avere delle macchie (o meglio come una patina bianca e cremosa) sparsa sul glande. Non ho rapporti sessuali dall’anno scorso, faccio ogni giorno un'ottima pulizia intima. Come dovrei comportarmi?

  • Pene curvo verso l'alto

    Ho 18 anni, ho iniziato a preoccuparmene ora dopo aver letto alcuni articoli: il mio pene è molto curvo verso l'alto, tanto che mi sfiora la zona addominale e visto lateralmente ha l'aspetto di un arco: vorrei sapere se è un problema e come comportarmi.

  • Pene di dimensioni ridotte: che fare

    Ho 18 anni e ho una domanda da fare: non sono contento della lunghezza/circonferenza del mio pene e volevo sapere se ci fossero dei metodi per aiutarmi a essere soddisfatto e sentirmi bene con me stesso.  

  • Pene di piccole dimensioni

    Salve, il mio problema è che il mio pene è piccolo: le sue dimensioni sono 6,5 cm non eretto e 13 cm in erezione. Ho 18 anni e sono alto 1,93 cm. È possibile che non si sia sviluppato per l'operazione che ho fatto da piccolo per asportare la parte superiore della pelle? Ed eventualmente esistono terapie?

  • Perdite di liquido trasparente dal pene

    Sono un ragazzo di 20 anni e soffro di perdite di liquido trasparente dal pene senza una particolare eccitazione. Non credo di tratti di eiaculazione precoce perché il liquido non assume mai colorazione. Vorrei sapere se il problema è causato da infezioni/infiammazioni. Inoltre aggiungo che ho praticato per quasi 10 anni ciclismo agonistico e vorrei sapere se può essere la causa di ciò. Grazie in anticipo.

  • Pericoli dell'alluminio sulla salute di vescica e prostata

    Sono un ragazzo di 40 anni e lavoro presso una piccola azienda del nord Italia che produce e lavora stampi in alluminio utilizzati poi nel settore plastico. La nostra azienda è seguita da un medico che ogni anno controlla la salute dei dipendenti attraverso analisi del sangue, urine, visita di udito ecc. Quest'anno ho saputo che ogni 3 anni viene fatto anche un ulteriore esame citologico delle urine per la prevenzione tumorale della prostata perché mi ha detto il medico che i soggetti che lavorano l'alluminio potrebbero essere più soggetti. Per me che lavoro al piano superiore ma i miei vestiti odorano di alluminio, potrebbe essere un problema per me o i miei figli piccoli?

  • Piccole macchie bianche sul pene e HPV

    Osservando il mio pene la mia fidanzata ha notato delle piccolissime macchie bianche alla base del glande. A mia memoria queste macchioline sono sempre esistite, ma tutto fa pensare al papilloma. Se si trattasse di questo virus esiste una cura? Quali conseguenze si conoscono sulla possibilità di avere figli sani? L’eventuale cura implica l'astinenza sessuale per lungo tempo? È il caso che interrompa sin da ora di fare l'amore con la mia ragazza?

  • Poliabortività, quali responsabilità di un'infezione del tratto genitale maschile

    A seguito di tre aborti spontanei sofferti da mia moglie ci è stato chiesto di effettuare l'esame della spermio coltura. Mi è stato diagnosticata una infezione da enterococco faecalis. Le chiedo se questa potrebbe essere una eventuale causa degli aborti? Inoltre, a quali conseguenze posso essere esposto?

  • Preservativo rimasto nell'ano

    Durante un rapporto sessuale anale al mio partner si è sfliato il preservativo ed è rimasto dentro il mio ano (sparito, risucchiato). Devo preoccuparmi e recarmi in ospedale per farlo togliere in qualche modo o posso tenerlo e magari verrà espulso con la defecazione? Se non viene tolto in ospedale o non viene espulso posso tenerlo senza problemi o può causarmi danni? Quali sono gli eventuali sintomi?

  • Prostatite, infiammazione delle vie urinarie ed erezione

    Vorrei chiedere come mai avendo quasi 50 anni, nonostante la cura che faccio per una prostatite ho sempre infiammazione alle vie urinarie e non ho più l'erezione. Esistono soluzioni al problema?

  • Prurito e arrossamento dopo i rapporti

    Ho un nuovo compagno e fin dal primo rapporto lui dopo diverse ora (il giorno dopo solitamente )accusa un prurito intimo e un arrossamento al pene. Io non ho avuto alcun problema invece e con il mio precedente compagno non è successo nulla di simile nonostante i rapporti con entrambi fossero ravvicinati. È più probabile sia un "problema mio o del mio compagno? Cosa potrebbe essere?

  • Quando lui nega il deficit erettivo

    ll mio compagno, di poco più grande di me, ha un deficit di erezione. L'ho capito fin da subito. Lui riesce solo in certe posizioni, anche se in realtà accade che a prescindere dalla posizione spesso non riesca. Lui non ammette assolutamente di avere un problema, dice che la causa sono io, e diventa aggressivo quando provo a parlarne. L'ho convinto ad andare da un andrologo. Purtroppo al medico non ha fornito alcuna indicazione. Dice che c'è andato solo perché gliel'ho chiesto io ma non perché pensasse di avere un problema. Come posso intervenire per farlo riflettere sulla reale esistenza di un problema? Come deve porsi una donna in questi casi?

  • Recupero chirurgico di spermatozoi per PMA

    Mio marito ha da poco fatto gli esami del sangue e il suo valore FSH è di 42 mentre il testosterone è nei limiti. Purtroppo sapevamo già che ci sarebbero stati problemi vista la sua storia clinica: operato a 5 anni per testicolo ritenuto si è poi ammalato di tumore (teratocarcinoma) e ha subito un primo intervento per l'asportazione del testicolo malato e in seguito ha subito una linfoadenectomia retroperitoneale che lo ha portato alla mancanza di eiaculazione. A questo punto speravamo nelle tecniche di biopsia testicolare (tese/tesa) per vedere di trovare eventuali spermatozoi per intraprendere una PMA, ma visto l'alto valore dell'FSH e la storia clinica trascorsa non sappiamo quanto possa valere la pena, ci sono speranze o dovremmo incentrarci su un'eventuale PMA eterologa?

  • Recupero dell'erezione dopo prostatectomia radicale

    Nel 2009 ho subito una prostatectomia radicale con risparmio di una piccola parte di un nervo. Per 3-4 anni non ho fatto attività sessuale per mancanza del desiderio. Da qualche mese, con tadalafil, ho ripreso l'attività anche se l'erezione è appena sufficiente, coadiuvato anche dal vacuum. A seguito dell'uso del vacuum ho notevoli e frequenti erezioni notturne, con una erezione quasi normale che però, non appena sveglio, dura poco. Purtroppo questo non succede quando pratico attività sessuale. Il mio urologo mi ha riferito che se di notte ho erezioni quasi normali, l'organo è tornato normale e che la mancata erezione al bisogno potrebbe essere per un problema psicologico. È anche lei dello stesso parere?

  • Riduzione della quantità di sperma

    Ho 64 anni e da un po’ di tempo al momento dell'eiaculazione la quantità di sperma si è ridotta di parecchio. Alla mia età è normale o mi devo preoccupare? E se sì cosa devo fare?

  • Rigonfiamento ai capezzoli in un maschio di 19 anni

    Ho quasi 19 anni e da qualche anno ho un rigonfiamento ai capezzoli. Mi hanno detto che è normale fino ai 17-18 anni: come mai ne soffro ancora?

  • Rilascio di secrezioni trasparenti prima del rapporto

    Sono una ragazza di 21 anni e da 3 anni ho rapporti con il mio ragazzo che ha 23 anni. Utilizziamo da sempre il preservativo, ma da sempre lui ha delle perdite di una sostanza trasparente, come una gelatina vera e propria, e a volte anche di una sostanza bianca mischiata a questa gelatina, anche prima di iniziare un rapporto: anche solo dopo l'erezione. Gli ho chiesto di fare delle analisi per vedere se contengono una minima parte di spermatozooi ma lui si è rifiutato. Sa dirmi cosa potrebbe essere?

  • Sauna a infrarossi e alterazioni spermatiche

    La sauna a infrarossi può provocare infertilità nell'uomo? Da alcuni test recenti effettuati risulta che la sauna classica interferisce sulla fertilità alterando la produzione e la sopravvivenza degli spermatozoi. Quella infrarossi raggiunge una temperatura di 50-60 °C massimo. Mio marito ha 42 anni e non fuma, ma negli Usa sembra che la utilizzano per aumentare la fertilità nei soggetti fumatori.

  • Sclerosi multipla ed eiaculazione precoce

    La sclerosi mutipla può essere causa di eiaculazione precoce? E se sì esiste qualche rimedio?

  • Sessualità di coppia: quando a lei non interessa molto

    Ho 40 anni e sono sposato da una ventina, con due figli ormai adolescenti. Io e mia moglie facciamo l'amore ogni 10 giorni più o meno, ma a volte passa anche più tempo: sono sempre io a cercarla e questa cosa non mi fa sentire desiderato. A lei sembra non interessi molto il sesso mentre io penso sia fondamentale in una coppia. Ne abbiamo anche parlato spesso ma non ho avuto grossi miglioramenti: che devo fare? Per il resto siamo una bella coppia e sto molto bene con lei.

  • Sintomi da infezione al glande

    Sono un ragazzo di 27 anni e da un paio di mesi il mio glande ha un cattivo odore, tipo "pesce marcio", anche pochi minuti dopo essermi lavato. Noto, sempre sul glande come se ci fosse una patina bianca molto sottile e se "sfrego" delicatamente si formano tutte pellicine. Di mia iniziativa ho effettuato un tampone balano/uretrale: assenti Trichomonas, Candida, Clamydia, Ureaplasma, Mycoplasma e Strept.Beta. A volte lamento anche un leggero bruciore al glande dopo la masturbazione che passa dopo poche ore. Assumo eutirox 50 tutti i giorni per un ipotiroidismo subclinico.

  • Sopravvivenza degli spermatozoi

    Vorrei sapere per quanto tempo all'incirca sopravvivono gli spermatozoi emessi all'aperto.

  • Sopravvivenza degli spermatozoi e rischio di gravidanza

    Cercando un po’ di informazioni sull'ormai leggendario liquido pre eiaculatorio ho letto che i contatti diretti pene-vagina (ad esempio coito interrotto o petting) e quelli sperma-vagina (ad esempio eiaculazione direttamente sulla vagina) comportano dei rischi mentre quelli indiretti (ad esempio liquido seminale o pre-seminale trasportato sulla zona vaginale tramite dito) non comportano rischi poiché il contatto con l'aria e la superficie asciutta del dito sostanzialmente "disattiverebbero" gli spermatozoi in pochi secondi. Secondo il vostro parere questa visione è coerente con la realtà?

  • Sospendere la finasteride prima di cercare un figlio

    Ho 40 anni e soffrendo di alopecia assumo finasteride da circa 10 anni con risultati direi più che soddisfacenti. Considerato che nel prossimo giugno ho intenzione di avere un figlio, volevo sapere se era il caso di sospendere la finasteride ed eventualmente quanto tempo prima.

  • Spermiogramma eseguito senza previa astinenza

    Sono sposata da 3 anni e mezzo, ho 26 anni e mio marito 31. Stiamo da tempo cercando di avere un bimbo che tarda ad arrivare. Dopo alcuni esami il mio consorte ha eseguito anche lo spermiogramma che ha evidenziato criptozoospermia. Però, non avendoci avvisati che servivano dai 3 ai 5 giorni di astinenza prima dell'esame, volevo chiedere se il risultato (pochi spermatozoi 100% atipici, testa deforme con motilità) può essere stato alterato dall’attività sessuale. C'è un modo per avere lo stesso un figlio?

  • Sporadiche risalite del testicolo

    Ho un dubbio che mi assilla da tempo. Un paio di voplte durante l'atto sessuale, poco prima dell'eiaculazione il testicolo destro mi è salito fino all'inguine senza procurarmi alcun fastidio. Ora durante ogni erezione temo che prima o poi il testicolo si ritiri più in alto del solito e possa causarmi problemi. Ho letto che spesso si deve ricorrere all'intervento chirurgico e questo mi ha messo un po' di angoscia.

  • Sterilità maschile, cure

    Volevo sapere se è possibile combattere la sterilità maschile quando l'uomo è al 100% sterile dopo aver fatto esami specifici.

  • Terapia testosteronica, assenza di spermatozoi e desiderio di concepire

    Sono seguito per ipogonadismo ipergonadrotopo da danno gonadico secondario a radio-chemioterapia in leucemia linfoblastica acuta avuta all'età di 3 anni. Fortunatamente è andato tutto bene e sono guarito, da quando ho 17 anni ho una cura di 250 mg di testosterone propionato/enentato 1 volta al mese. Ora ho 30 anni e desidero avere un bambino con la mia compagna. Ho fatto per 2 volte lo sperminogramma con esito: assenza di spermatozoi. Secondo lei è opportuno fare una visita da un andrologo oppure posso mettermi il cuore in pace?

  • Test necessari per diagnosticare una disfunzione erettile

    Quali sono gli esami e i test necessari per sapere se si soffre di disfunzione erettile? Io andando dall'andrologo sono stato sottoposto solamente a un test chiamato ENDOPAT che ha dato esito negativo. È sufficiente per una diagnosi?

  • Testicolo retrattile, cosa fare

    Il mio ragazzo, vent'enne, a volte durante o dopo il rapporto riscontra la risalita del testicolo sinistro verso la zona pubo-inguinale, cosa che gli causa spesso dolore. Ho letto del testicolo retraente, ma chiedo se è possibile che possa essere altro.

  • Testicolo ritenuto: terapia farmacologica o chirurgica

    Ho un bimbo di 12 mesi affetto da ipospadia lieve con testicolo sinistro ritenuto a livello inguinale e palpabile. Vorrei sapere se è possibile intervenire sulla discesa del testicolo farmacologicamente per scongiurare l'intervento fissato dal chirurgo al 18° mese di età; tenga presente che il padre del bimbo ha fatto uso di anabolizzanti 10 anni prima la nascita di mio figlio con ripercussioni sulla propria salute riportando una ginecomastia, questo può aver inciso sul problema di mio figlio e in che percentuale può avvenire la discesa del testicolo in caso di trattamento farmacologico

  • Testosterone basso e difetti di erezione

    Ho 22 anni e da alcuni anni soffro di calo dell'erezione e di piccoli dolori; in seguito alle analisi, prescrittemi dall'urologo, mi e stato riscontrato il testosterone basso, mentre gli altri valori sono nella norma. Il disturbo dell'erezione può essere causato da qualche altra disfunzione e perciò devo fare altre analisi?

  • Tetosterone per aumentare la massa muscolare

    Ho 39 anni e mi alleno tre volte a settimana e vorrei prendere un po’ di massa, ma nonostante il mio allenamento e una alimentazione quasi corretta non ci riesco più di tanto. Vorrei chiedere se e quanto possa essere rischioso assumere in piccole dosi del testosterone, sotto controllo medico.

  • Trattamento con paroxetina ed effetti sulla libido

    Sono un ragazzo di 28 anni e da circa 4 anni assumo 10 mg al giorno di paroxetina. Vorrei avere delucidazioni sul processo che comporta il calo del desiderio sessuale (è soltanto legato a un aumento di prolattina?), le possibili alterazioni del metabolismo e se la libido tornerà ai livelli “fisiologici” una volta interrotto il trattamento. Inoltre: quali esami da effettuare periodicamente per valutare gli eventuali effetti negativi del farmaco? E quali esami potranno oggettivamente indicare una assenza di effetti negativi permanenti?

  • Trattamento dell'Induratio Penis Plastica

    Per la cura della Induratio Penis Plastica sto assumendo una serie di antiossidanti (vit. E, silimarina, ginko biloba) e la pentossifillina, oralmente ogni giorno e per iniezione periplacca ogni due settimane. Molti andrologi, per la stessa malattia, prescrivono anche l'assunzione di coenzima Q10. Volevo chiederle se posso introdurre anche io questo potente antiossidante

  • Variazioni nel volume e nel colore dello sperma

    sono un uomo di 38 anni, padre di due bellissime bambine. Ho notato che ultimamente, e già da tempo comunque, il mio sperma è sempre di meno e non ha un bel colore, nel senso non è bianco ma acquoso. mi devo preoccupare?? In più non mi alzo più la mattina con il pene eretto, come era sua buona abitudine.

  • Varicocele, cisti testicolare e fertilità

    Una settimana fa, dopo un'ecografia, al mio compagno è stato diagnosticato un varicocele di secondo grado e una cisti di circa un centimetro al testicolo sinistro. Ora, dopo aver letto molti pareri contrastanti su Internet, volevo chiederle se questo tipo di varicocele può portare a infertilià e come può essere curato. Aggiungo anche che il suo sperma è molto liquido e trasparente.

  • Venlafaxina e calo del desiderio

    Circa 4 anni fa mio marito ha cominciato a soffrire di attacchi di panico e per questo ha iniziato a prendere venlafaxina. Questo gli ha causato un importante calo del desiderio. Per ora smettere con gli psicofarmaci non è possibile, quindi vorrei sapere se c'è qualche cosa che potrebbe fare per aumentare il desiderio. Oltretutto stiamo cercando una gravidanza e ho letto che gli psicofarmaci non hanno un bell'effetto sullo sperma e quindi è molto difficile che arrivi all'ovulo. È vero? Ci sono rimedi?

Torna su