Viver sano

Scegli l'argomento della sezione

 

Gli sport per eliminare le maniglie

Inestetismo difficile da combattere, le cosiddette maniglie dell'amore possono essere eliminate. Con tanta costanza e un programma sportivo ad hoc..
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 4 minuti
Sport dimgrire maniglie

Il nome, maniglie dell’amore, inneggia al romanticismo. Invece, si tratta di un fastidioso accumulo di grasso localizzato sui fianchi, un inestetismo difficile da combattere. Ecco come difenderci.

Il problema, oltre che estetico, a lungo andare rischia di diventare fisico: l’eccesso di adipe sull’addome e sui fianchi aumenta il rischio di malattie coronariche, diabete, ipertensione e resistenza all’insulina.

Parliamo delle cosiddette “maniglie dell’amore”, un accumulo di grasso localizzato sui fianchi. E, se avete deciso di eliminarle, sappiate che il percorso sarà abbastanza difficile.

Il tessuto adiposo in questa zona, infatti, viene attaccato per ultimo, ossia quando il resto della massa grassa localizzata su cosce e glutei è stato consumato.

Difficile ma non impossibile

Soprattutto se si elabora un programma sportivo strategico e a lungo termine (almeno sei mesi), con l’attività aerobica abbinata a esercizi specifici possiamo avere la meglio.

Gli esercizi aerobici, grazie al consumo di ossigeno a bassa intensità fisica, consentono di innalzare il metabolismo e accelerare la perdita di grassi. A questi vanno abbinati quelli per risvegliare l’attività muscolare.

Ricordate, per eliminare le odiate maniglie ci vogliono costanza, impegno e determinazione: lo sforzo fisico aerobico deve essere prolungato, almeno 45 minuti, per tre volte a settimana.

Perfetto il nuoto: un’ora di piscina, a giorni alterni, contribuirà ad assottigliare il girovita e ad allargare le spalle. Via libera anche a tapis roulant, corsa lenta, cyclette e camminate in salita.

Dopo il lavoro aerobico, è il turno degli esercizi specifici per il girovita: addominali, flessioni laterali del tronco e rotazioni.

«Per donare a fianchi e addome un aspetto cesellato, bisogna tonificare i muscoli del torchio addominale, in particolare gli addominali obliqui e lombari. Gli esercizi più indicati sono i classici crunch, tradizionali e obliqui, e le torsioni» spiega Alessio De Vecchi, personal trainer e osteopata.

Esercizi: come eseguirli correttamente

Se vi iscrivete in palestra, naturalmente, ci penserà l’istruttore a stilare il programma di allenamento più specifico al vostro caso.

Se, invece, gli impegni lavorativi e familiari vi stritolano e vi lasciano giusto il fiato per respirare, cercate di ritagliarvi un’ora di tempo per eseguire addominali, crunch e torsioni comodamente a casa vostra.

In questo caso, possiamo seguire i consigli di De Vecchi.

Crunch tradizionali: sdraiarsi su un tappetino, testa ben appoggiata sulle mani, ginocchia piegate e piedi a terra. Sollevare la parte alta della spalla, facendo attenzione a tenere il collo immobile, mantenendo lo sguardo verso il soffitto e i gomiti bene aperti, fino a raggiungere le gambe.

Crunch obliqui hanno la stessa posizione di partenza ma vanno eseguiti avvicinando i gomiti alle ginocchia opposte. Per entrambi gli esercizi, bisognerebbe eseguire 3 serie da 15 ripetizioni.

Semplicissime da eseguire, le torsioni necessitano di un bastone e di una sedia: ruotare a destra e sinistra il busto, eseguendo movimenti piccoli ma veloci per almeno un minuto. Anche in questo caso, le serie sono tre.

Un accorgimento in più

Piccolo consiglio: nella guerra alle maniglie dell’amore, l’alimentazione riveste un ruolo fondamentale. È necessario eliminare alcolici, fritti, salumi e dolci e bere almeno due litri di acqua al giorno.

La dieta giusta deve essere bilanciata e prevedere l’inserimento di proteine, frutta e verdura e, in misura limitata, carboidrati.

Sveva Salvini

VIDEO

Sport: in estate è la stagione ideale, ma...

Albertomartina

Un po' di attività fisica fa sempre bene, ma è con la bella stagione che viene voglia di muoversi. Per sapere come comportarti ascolta l'intervista ad Alberto Martina

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Gli sport per il mal di schiena

  • Fotolia_30337491_s

    Al ritmo del tango

    In alcuni ospedali si pratica addirittura la tangoterapia, cioè ballare sulle note di questa avvincente musica per migliorare il mal di schiena. È appurato infatti che il tango rinforza i muscoli centrali della schiena e quelli dei glutei. Inoltre aumenta la flessibilità del tronco. Andrebbe fatto due volte alla settimana per almeno 45 minuti. Fare attenzione ai movimenti bruschi se non si è allenati.

  • Fotolia_41978497_s

    Nuoto: miglior alleato della colonna

    È lo sport ideale per chi soffre di lombalgia perché scarica le tensioni nervose, rinforza i muscoli di tutto il corpo senza sovraccaricare la colonna con il peso del corpo. E poi distende bene la schiena. Andrebbe praticato due o tre volte alla settimana.

  • Fotolia_54137304_s

    Camminare di buon passo

    Basta mezz’ora al giorno di camminata veloce, in città o in campagna. L’unica cosa da evitare sono i tacchi alti per le donne, dal momento che non fanno bene alla schiena. Passeggiare consente di rinforzare i muscoli della colonna e di tonificarli. In molti casi, è il modo più semplice di risolvere i piccoli problemi di lombalgia.

  • Fotolia_4502258_s

    Acquagym per tutti

    È un’attività che va bene per tutti: si deve praticare due o tre volte alla settimana per poterne apprezzare i benefici a livello della schiena. L’acquagym tonifica la muscolatura delle gambe e della schiena senza esporre quest’ultima a sforzi eccessivi: quando siamo dentro l’acqua infatti il carico sulla colonna si riduce notevolmente.

  • Fotolia_3396419_s

    Spada o fioretto se hai problemi di postura

    Solo chi ha problemi di mal di schiena legati alla postura riesce a trarre beneficio dalla scherma o dal fioretto. Occorre avere, naturalmente, una buona preparazione atletica e l’allenamento deve essere abbastanza frequente. È un valido alleato della schiena perché, praticandolo, siamo costretti a cercare costantemente un buon equilibrio e una postura corretta, per poter fronteggiare l’avversario.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "SPORT E FITNESS"

Torna su