pubblicità
 

Articolo

vitamina H (biotina)

Che cos’è

La biotina (vitamina H) è una vitamina idrosolubile che contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

Fonti alimentari

Prodotta in piccola parte anche dai batteri intestinali, la biotina è presente in diversi alimenti quali lievito, fegato di vitello, tuorlo d'uovo, latte di mucca e formaggio, frutta secca, grano, riso integrale, lenticchie, piselli, carote, lattuga, cavolfiori, funghi.

La biotina si lega a una proteina, l'avidina, presente nell'albume dell'uovo: bisogna perciò prestare attenzione perché un consumo eccessivo di albume crudo potrebbe rendere indisponibile la biotina assunta con l'alimentazione.

Attività

È utile per un regolare funzionamento del midollo osseo e per la salute della pelle e dei capelli.

Carenza

La carenza di biotina è piuttosto rara in quanto è una vitamina molto diffusa tra gli alimenti e il fabbisogno dell'organismo è molto basso.

La mancanza di biotina è segnalata da disturbi della pelle (dermatite secca desquamativa, soprattutto) e calvizie, da un senso generale di affaticamento e sonnolenza insieme a dolori muscolari.

Lo sapevi che i crampi notturni possono essere causati da una carenza di vitamina H? Ascolta i consigli del farmacista di Saperesalute.it

Sovradosaggio

Non sono noti effetti tossici della biotina, anche se assunta ad alte dosi.

Dosi consigliate

Il fabbisogno giornaliero di biotina è molto ridotto e gli studi non hanno evidenziato un livello di assunzione raccomandato: sopra gli 11 anni si ritiene valido un apporto intorno a 0,1 mg al giorno.

Altri contenuti

Torna su