Potassio

Il potassio, insieme con il sodio, è fondamentale nel controllo dell'eccitabilità neuromuscolare e dell'equilibrio acido-base e idrosalino.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 3 minuti
Potassio frutta verdura

Che cos’è

Il potassio svolge un ruolo fondamentale per l'organismo e interviene nella maggior parte delle funzioni vitali.

Nel nostro organismo si trova principalmente all’interno delle cellule, nelle quali esercita le stesse funzioni svolte dal sodio che si trova invece all'esterno: controlla l'eccitabilità neuromuscolare, il ritmo del cuore, la pressione osmotica, l'equilibrio acido-base e la ritenzione idrica.

Fonti alimentari

Gli alimenti più ricchi di potassio sono rappresentati da cibi freschi non sottoposti a trattamenti di conservazione. I cibi e gli alimenti che contengono potassio sono ortaggi, frutta, verdura e carni fresche.

Effetti

Il potassio regola il contenuto di acqua delle cellule e ne controlla la pressione osmotica, svolge un'azione fondamentale nella sintesi delle proteine e nella conversione degli zuccheri in glicogeno, attiva numerosi enzimi connessi con il metabolismo energetico ed è coinvolto nei processi di trasmissione dell'impulso nervoso, nel controllo della contrazione muscolare e della pressione arteriosa.

Se vuoi conoscere tutti i minerali e le vitamine utili agli sportivi leggi questo articolo.

Carenza

Le principali manifestazioni da carenza di potassio comprendono: disturbi cardiaci, debolezza e diminuzione del tono muscolare, crampi, stanchezza, stitichezza, disidratazione cellulare, formazione di edemi.

Dosi consigliate

La dose dietetica consigliata per il potassio è di 3.000 mg/die sia per gli adulti che per i bambini tra i 10 e i 18 anni.

Per età inferiori si passa da dosi di 1.000 mg/die (fascia 1-2 anni) a dosi di 1.600 mg/die (fascia 6-9 anni).

Precauzioni

Dosi elevate di potassio possono causare astenia (stanchezza generalizzata), crampi muscolari, ipotensione, bradicardia e arresto cardiaco.

L’aumento delle concentrazioni di potassio nel sangue sono in genere provocate da insufficienza renale, disidratazione, insufficiente secrezione surrenalica.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Patrizia_maria_gatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"

Fotogallery

Sali minerali: ecco chi rischia di andare in riserva

  • Rischio_carenze_minerali_4

    In estate siamo tutti a rischio

    Quando fa caldo e sudiamo di più siamo tutti a rischio di andare in riserva di magnesio e potassio. Con il sudore infatti ne perdiamo in abbondanza e se compaiono sintomi quali stanchezza e spossatezza, è bene correre ai ripari.

  • Rischio_carenze_minerali

    Chi suda molto

    C’è chi soffre di ipersudorazione e chi suda parecchio perché ama fare tanto sport. In entrambi i casi, il rischio di carenze da magnesio e potassio è da prendere in considerazione.

  • Rischio_carenze_minerali_3

    Chi è in là con gli anni

    Sono soprattutto gli anziani coloro che devono più stare attenti alle carenze di magnesio e potassio: con gli anni infatti ne assorbiamo sempre meno dalla dieta.

  • Rischio_carenze_minerali_6

    Chi assume diuretici per curare l’ipertensione

    Molti ipertesi devono assumere, per tenere sotto controlla la pressione, farmaci diuretici. Questi medicinali comportano una maggiore escrezione di potassio con le urine e quindi un aumento del rischio carenza.

  • Rischio_carenze_minerali_2

    Chi è in sovrappeso

    Chi è in sovrappeso o addirittura obeso tende a sudare di più perché i muscoli fanno più fatica a spostare il maggiore peso corporeo. Per questo motivo, chi ha chili di troppo tende ad andare in carenza di magnesio e potassio.

  • Rischio_carenze_minerali_5

    Chi soffre di diabete

    Il diabete è una patologia che, tra le altre conseguenze, comporta anche il rischio di andare incontro a carenze di magnesio e potassio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "ALIMENTI E DIETE"

Torna su