pubblicità
 

Articolo

Iodio

Che cos’è

Lo iodio è un sale minerale che all’interno dell’organismo si accumula soprattutto nella tiroide, dove esplica la sua attività legandosi agli ormoni tiroidei.

Fonti alimentari

Lo iodio è contenuto soprattutto nel pesce e nei crostacei. Altri alimenti ricchi di iodio sono il latte e le uova. La sua presenza negli ortaggi e nella frutta dipende dai livelli di iodio contenuti nei terreni di coltivazione.

Effetti

La principale funzione dello iodio è legata all'attività degli ormoni tiroidei, responsabili di alcune funzioni metaboliche tra cui l'accrescimento corporeo.

Lo iodio, negli ormoni tiroidei T3 e T4, interviene nei processi di sviluppo e accrescimento dei vari organi. Regola l'attività metabolica generale, interviene nel funzionamento neuromuscolare e nella circolazione del sangue.

Carenza

Una carenza di iodio potrebbe causare il gozzo, ossia l'aumento del volume della ghiandola tiroidea (in alcune zone dove si riscontra una particolare carenza di iodio nell'alimentazione o nelle acque tale malattia è di natura endemica).

Per evitare carenze oggi il sale da cucina viene spesso addizionato con iodio.

Se la carenza è di un certo livello, le ripercussioni sulla salute sono molteplici. Si evidenziano alterazioni della frequenza cardiaca, della temperatura corporea e della velocità di utilizzo di zuccheri e grassi a scopo energetico.

Dosi consigliate

Per quanto riguarda il fabbisogno giornaliero di iodio, se ne raccomanda l'assunzione di 0,15 mg per entrambi i sessi, mentre durante la gravidanza e l'allattamento la dose va aumentata.

Precauzioni

Casi di tossicità cronica da iodio si verificano se l'assunzione è 20 volte maggiore rispetto al fabbisogno quotidiano, cioè, 3 mg/die.

Altri contenuti

  • Ipertensione e sali minerali

    Quale di questi minerali previene l’ipertensione?

  • Quanto ne sai su magnesio e potassio?

    sali mineraliVai al quiz
  • Crampi notturni

    Quale di queste cause può provocare crampi notturni?

Torna su