Boro

Il boro è necessario per la salute delle ossa e per salvaguardare l’efficienza cerebrale.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 2 minuti
Boro uva

Che cos’è

Il boro è necessario per la salute delle ossa e per salvaguardare l’efficienza cerebrale. Soltanto negli anni Ottanta sono state chiarite caratteristiche e funzioni.

Fonti alimentari

Tra i principali alimenti che contengono boro ci sono carote, fagioli, nocciole, verdura a foglia verde e frutta fresca come uva e pere.

Effetti

Il boro contribuisce a regolare i livelli di fosforo, magnesio e calcio nell’organismo.

Agevolando l’assorbimento di calcio nelle ossa, aiuta a salvaguardare l’integrità del sistema osseo e a prevenire l’osteoporosi.

Partecipa a diverse reazioni enzimatiche tra cui quelle che permettono all’organismo di ricavare energia da grassi e zuccheri, preserva la salute delle membrane cellulari e contribuisce a mantenere efficiente la funzionalità cerebrale e mnemonica.

Carenza

In quanto implicato in numerosi processi organici, apporti inadeguati di boro possono causare una serie di problematiche.

Tra i principali sintomi di carenza: indebolimento della struttura ossea, artrite, carie, squilibri ormonali, dolori muscolari e debolezza, depressione, tendenza allo stress, deficit di memoria.

Dosi consigliate

Non ci sono raccomandazioni specifiche al riguardo, ma si ritiene che 3 mg al giorno di boro siano sufficienti a soddisfare il fabbisogno dell’organismo.

Precauzioni

Dosi maggiori di 100 mg potrebbero invece risultare tossiche.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Patrizia_maria_gatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "STANCHEZZA"

Fotogallery

Sali minerali: ecco chi rischia di andare in riserva

  • Rischio_carenze_minerali_4

    In estate siamo tutti a rischio

    Quando fa caldo e sudiamo di più siamo tutti a rischio di andare in riserva di magnesio e potassio. Con il sudore infatti ne perdiamo in abbondanza e se compaiono sintomi quali stanchezza e spossatezza, è bene correre ai ripari.

  • Rischio_carenze_minerali

    Chi suda molto

    C’è chi soffre di ipersudorazione e chi suda parecchio perché ama fare tanto sport. In entrambi i casi, il rischio di carenze da magnesio e potassio è da prendere in considerazione.

  • Rischio_carenze_minerali_3

    Chi è in là con gli anni

    Sono soprattutto gli anziani coloro che devono più stare attenti alle carenze di magnesio e potassio: con gli anni infatti ne assorbiamo sempre meno dalla dieta.

  • Rischio_carenze_minerali_6

    Chi assume diuretici per curare l’ipertensione

    Molti ipertesi devono assumere, per tenere sotto controlla la pressione, farmaci diuretici. Questi medicinali comportano una maggiore escrezione di potassio con le urine e quindi un aumento del rischio carenza.

  • Rischio_carenze_minerali_2

    Chi è in sovrappeso

    Chi è in sovrappeso o addirittura obeso tende a sudare di più perché i muscoli fanno più fatica a spostare il maggiore peso corporeo. Per questo motivo, chi ha chili di troppo tende ad andare in carenza di magnesio e potassio.

  • Rischio_carenze_minerali_5

    Chi soffre di diabete

    Il diabete è una patologia che, tra le altre conseguenze, comporta anche il rischio di andare incontro a carenze di magnesio e potassio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "ALIMENTI E DIETE"

Torna su