Sinusite: cause, sintomi, rimedi

È l’infiammazione della mucosa che riveste i seni paranasali, piccole cavità scavate nelle ossa del volto in corrispondenza degli zigomi, della fronte, della mascella e ai lati del naso.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 4 minuti
Sinusite: cause sintomi rimedi

Che cos’è

La sinusite è l’infiammazione della mucosa che riveste i seni paranasali, piccole cavità scavate nelle ossa del volto in corrispondenza degli zigomi, della fronte, della mascella e ai lati del naso. L’infiammazione è causata dal ristagno di muco nelle cavità

Esistono due forme di sinusite: acuta, che dura circa quattro settimane; cronica, che può persistere per mesi e ricomparire periodicamente.

Guarda questo video scientifico: descrive nei dettagli come si sviluppa la sinusite.

Cause

In genere la sinusite compare a seguito di un forte raffreddore, che può essere virale, batterico, allergico o causato da funghi delle prime vie respiratorie.

La mucosa dei seni paranasali, di fronte all’infezione, si infiamma, si gonfia e produce grandi quantità di muco che rimane intrappolato nelle cavità. Si forma così un ambiente ideale per la proliferazione dei microrganismi.

L’insorgenza della sinusite è favorita anche dalla presenza di polipi nasali o di difetti anatomici (deviazione del setto, ipertrofia dei turbinati) tali da ostacolare la fuoriuscita di muco verso le cavità nasali.

In casi più rari, può dipendere da un’infezione ai denti (granulomi, ascessi) non adeguatamente curata.

Fumo, inquinamento dell’aria e dell’acqua, immersioni subacquee e viaggi in alta quota sono altrettanti fattori di rischio.

Sintomi comuni

Il sintomo caratteristico della sinusite acuta è un dolore accentuato e localizzato alla zona dove ristagna il muco, più spesso alla radice del naso, agli zigomi, alla mascella, alle tempie, dietro e tra gli occhi.

Altri sintomi sono naso tappato, abbondante secrezione di muco giallo-verdastro, cefalea, gonfiore al volto, tosse con catarro, mal di gola, mal d’orecchie, alterazione del gusto e dell’olfatto e alito cattivo.

A volte è presente anche la febbre e uno stato generale di malessere. La sinusite cronica dà disturbi più sfumati, ma costanti, come pesantezza alla testa e difficoltà a respirare col naso.

Complicazioni

Le complicanze più serie sono dovute alla diffusione dell’infezione agli occhi, all’orecchio o, in casi estremamente rari, al cervello. Nelle persone asmatiche, la sinusite può determinare un aggravamento dei sintomi respiratori.

Le cure

Per liberare le cavità dal muco si consiglia l’inalazione di vapore caldo (aerosol), le irrigazioni con acque termali solforate, i suffumigi con oli essenziali di eucalipto e i lavaggi nasali con soluzione fisiologica.

I decongestionati nasali a uso locale in spray o gocce sono utili, ma non dovrebbero essere impiegati per più di una settimana.

Rigorosamente su consiglio del medico, quando la sinusite è di origine batterica potrebbero essere indicati gli antibiotici, magari associati a cortisonici e mucolitici anche per aerosol.

Nel caso di sinusiti di natura allergica può essere opportuna l’assunzione di farmaci antistaminici, sia topici (spray) sia sistemici, sempre su consiglio del medico.

Per tenere a bada il dolore è possibile ricorrere ad antinfiammatori e analgesici.

Per saperne di più sulle terapie per la sinusite leggi questo articolo.

Quando consultare il medico

Per evitare che l’infezione si diffonda ai tessuti circostanti, il medico andrebbe sempre consultato, ed è comunque indispensabile nelle forme gravi di sinusiti, con febbre alta, difficoltà a respirare, presenza di sangue nel muco, gonfiore al volto e annebbiamento della vista.

Per chi vuole curarsi in modo naturale, esistono anche validi rimedi erboristici. Leggi quali sono in questo articolo.

VIDEO

Raffreddore e influenza: perché usare un antinfiammatorio?

Raffreddore-influenza-antinfiammatori

I sintomi del raffreddore e quelli dell'influenza, sebbene causati da agenti diversi hanno in comune l'infiammazione. Il farmacista ci spiega come mai sono utili gli antinfiammatori in entrambi i casi.

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Cinque leggende sul raffreddore: che cosa dice la scienza?

  • Raffreddore_coperti_caldo

    Vestiti bene altrimenti ti ammali

    È il classico tormentone che ogni madre riserva ai propri figli. Da piccoli, sempre. Ma a volte anche da grandi. Uscire di casa, in autunno e in inverno, senza il cappotto e la maglia di lana non aumenta il rischio di buscarsi un raffreddore. A causare il classico malanno invernale non è altro che un virus. Colpisce di più durante la stagione fredda per la semplice ragione che trascorriamo più ore al chiuso, in casa e al lavoro, e assieme a più persone. Per cui il rischio di contagio aumenta.

  • Raffreddore_capelli_bagnati

    Se non asciughi bene i capelli ti viene un malanno

    Uscire di casa con la testa bagnata in inverno non è certo una bella sensazione. Ma a parte questo semplice disagio non si corrono altri rischi. Il vero responsabile del raffreddore, a dispetto del nome, non è il freddo, ma un virus. E a meno che non si prenda così tanto freddi da andare in ipotermia, e quindi essere più suscettibili alle infezioni, la temperatura esterna non è così importante.

  • Raffreddore_appetito

    Mangia che ti passa

    Il raffreddore toglie l’appetito, su questo non ci sono dubbi. E sforzarsi di mangiare non serve a nulla. Al limite è importante bere liquidi in abbondanza per restare ben idratati. Tuttavia, è bene evitare, in un’ottica di prevenzione, di sottoporsi a diete ipocaloriche in vista della stagione dei malanni invernali: uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che mettersi a dieta in questo periodo non fa altro che indebolire le difese naturali dell’organismo. E se si prende un raffreddore ci mette di più per guarire.

  • Raffreddore_brodo_di_pollo

    Bevi il brodo di pollo che guarisci prima

    È il classico rimedio della nonna contro i raffreddori. In questo caso però potrebbe avere ragione: uno studio pubblicato sulla rivista Chest ha infatti dimostrato che una tazza di brodo di pollo aiuta l’organismo a reagire, attraverso il sistema immunitario, contro i virus del raffreddore.

  • Raffreddore_superalcolico

    Un bicchierino di whisky lo manda via

    È la classica leggenda metropolitana, che piace a molti uomini. Eppure non è mai stato dimostrato che gli alcolici aiutino a superare il raffreddore. Anzi, in teoria l’alcol è nemico del sistema immunitario, nel senso che chi ne abusa va spesso in contro a un deficit nelle difese naturali dell’organismo. Meglio dunque evitare alcolici e superalcolici.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "DISTURBI E PATOLOGIE"

Torna su