Laringite: cause, sintomi, rimedi

È un’infiammazione della laringe, quella parte dell’apparato respiratorio che ospita le corde vocali e quindi è preposta all’emissione dei suoni e della voce.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 3 minuti
Laringite cause e rimedi

Che cos’è

La laringite è un’infiammazione della laringe, quella parte dell’apparato respiratorio che ospita le corde vocali e quindi è preposta all’emissione dei suoni e della voce.

Può essere un disturbo acuto, tipico della stagione invernale, oppure diventare uno stato cronico se dipende da alcune condizioni come l’abitudine al fumo di sigaretta, l’inalazione di sostan-ze irritanti o una professione usurante per la voce (canto, recitazione, insegnamento, giornalismo radiotelevisivo).

Cause

Nella maggior parte dei casi la laringite origina da infezioni dovute a batteri o virus. A volte dipende dall’esposizione a polveri e vapori inquinanti, incluso il fumo di sigaretta, oppure all’abuso di alcol e a un utilizzo protratto o scorretto della voce.

Sintomi comuni

Sintomi principali della laringite sono raucedine, abbassamento di voce (disfonia), tosse secca e stizzosa, difficoltà a deglutire, gonfiore e dolore acuto alla gola. A volte compare anche febbre.

I sintomi durano circa 2-3 giorni, anche se la tosse può persistere per una settimana. Spesso si accompagna a raffreddore e influenza .

Complicazioni

Una delle più gravi complicazioni è l’ispessimento della mucosa della laringe che rende difficile il passaggio dell’aria nei polmoni. Di conseguenza compare una sensazione di soffocamento (dispnea) soprattutto quando si è sdraiati.

Le cure

Se la laringite è dovuta a un’infezione batterica si cura con gli antibiotici , farmaci che devono essere prescritti dal medico. Se di origine virale, i sintomi dovrebbero risolversi spontaneamente nel giro di qualche giorno.

Per alleviare il dolore possono essere assunti antinfiammatori non steroidei per via topica (spray o aerosol) o sistemica, su consiglio del farmacista.

Dato che il vapore acqueo attenua l’infiammazione delle alte vie respiratorie è utile l’impiego di un umidificatore per ambienti o i classici suffumigi con oli balsamici all’eucalipto.

Accelera la guarigione anche bere molto, indossare una sciarpa, non fumare e non bere alcol.

Leggi anche l'articolo Tutto il buono della propoli.

Quando consultare il medico

Soprattutto nei bambini piccoli il medico va consultato quando il dolore alla gola è molto acuto tanto da impedire di alimentarsi e ingoiare anche l’acqua. Oppure se persiste febbre oltre i 40°C.

VIDEO

Ho sempre la gola irritata perché parlo molto, che cosa posso fare?

Parlare a lungo può irritare le corde vocali. Ecco i rimedi da adottare.

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Sette trucchi per scansare l'influenza

  • Influenza_aria_aperta

    Esci di più all'aria aperta

    La leggenda secondo cui in inverno è meglio stare il più possibile al chiuso è falsa: negli ambienti ristretti, soprattutto se molto riscaldati, è più probabile ritrovarsi a stretto contatto con qualcuno che ha già preso l’influenza, e passarvi il virus. Stare all’aria aperta, soprattutto facendo delle passeggiate, riduce il rischio contagio e fa bene alla salute in generale.

  • Influenza_stress

    Tieni alla larga lo stress

    Ritagliarsi momenti per rilassarsi un po' fa bene alla psiche, ma soprattutto rinforza le difese immunitarie. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che se l’organismo è stressato, i virus dell’influenza hanno maggiori probabilità di infettare e replicarsi. Quale tecnica adottare? Quella che piace di più, a seconda dei gusti: lo yoga, la ginnastica, leggere un libro, un massaggio, fare una passeggiata. L’importante è tenere alla larga lo stress. E assieme a lui, i virus influenzali.

  • Influenza_lavarsi_le_mani

    Lava le mani appena puoi

    Le mani sono il mezzo preferito dai virus del raffreddore e dell’influenza per diffondersi. Senza che ce ne accorgiamo, stringiamo le mani di qualcuno, apriamo una porta, ci appoggiamo a una sedia. Se qualcuno prima di noi ha toccato la stessa superficie ed è influenzato il gioco è fatto. Lavarsi le mani spesso e con accuratezza evita il diffondersi dei virus e riduce il rischio di ammalarsi.

  • Influenza_sonno

    Chi dorme bene non piglia… l’influenza

    Una notte in bianco non è un dramma. Ma se la mancanza di sonno dura per più giorni il nostro sistema immunitario comincia a perdere colpi. In questa stagione è opportuno dormire almeno sette ore per notte, così da dare il tempo all’organismo di rigenerarsi dalle fatiche della giornata ed essere in grado di fronteggiare con successo i germi responsabili dei malanni invernali.

  • Influenza_dieta

    Mangia in modo sano

    L’influenza si previene anche a tavola. Frutta e verdura di stagione sono fonti preziose di vitamine antiossidanti e sali minerali essenziali al buon funzionamento delle difese naturali dell’organismo. Legumi e cereali sono invece un ottimo rifornimento di proteine, anch’esse importanti perché alcuni aminoacidi contribuiscono alla sintesi degli anticorpi. In questa stagione è bene non sottovalutare anche la quota di carboidrati, pasta e pane per intenderci. Un po’ di calorie in più aiutano infatti l’organismo a rinforzare le sue difese naturali.

  • Influenza_sport

    Fai attività fisica regolare

    È ormai dimostrato in diversi studi: un’attività fisica moderata, ma regolare, abbassa il rischio di buscarsi l’influenza. Una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, per esempio, ha scoperto che chi è fisicamente attivo almeno cinque giorni alla settimana ha una probabilità di prendere l’influenza e il raffreddore quasi dimezzata rispetto a chi lo è soltanto una volta alla settimana.

  • Influenza_virus_occhi

    Tieni giù le mani

    Spesso non ci si fa caso, ma tendiamo con una certa frequenza a portare le mani al viso. Siccome le tre principali vie d’accesso dei virus nel nostro organismo sono il naso, gli occhi e la bocca, è altamente sconsigliabile toccare queste parti del corpo senza prima aver lavato accuratamente le mani. Il problema è che a volte lo si fa senza accorgersi. Basta sforzarsi di dedicare un po’ di attenzione ai proprio movimenti involontari per ridurre parecchio il rischio di contagio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "DISTURBI E PATOLOGIE"

Torna su