pubblicità

Medicina naturale

Scegli l'argomento della sezione

 

Articolo

Malva

Che cos’è

La Malva (Malva officinalis) è una pianta erbacea dai fiori rosa con sfumature lilla originaria dell'Europa e dell'Asia, presente anche in America e Australia

Cresce negli spazi incolti, nelle siepi e lungo i muri di cinta dei cortili. Le foglie si raccolgono in primavera, i fiori in estate.

Le attività

Durante il Rinascimento si guadagnò la fama di “omnimorbia”, ossia guaritrice di tutti i mali.

Il merito va alle mucillagini di cui è ricca che con le loro spiccate proprietà espettoranti e antinfiammatorie la rendono efficace nella cura delle malattie delle vie respiratorie: fluidifica il catarro bronchiale favorendone l’espettorazione e calma la tosse.

Le mucillagini, grazie alla loro capacità di rigonfiarsi nell’intestino e di stimolarne la contrazione hanno anche una blanda azione lassativa, utile in caso di stitichezza associata a irritazione intestinale.

Perché si usa

Il nome Malva deriva dal latino “mollire” che significa ammorbidire; ecco perché questa pianta è utilizzata per sedare la tosse e combattere l’infiammazione bronchiale.

Le sue azioni emollienti, espettoranti e antinfiammatorie, sono utili nel trattamento del catarro associato alle varie patologie dell’apparato respiratorio.

Leggi anche l'articolo di approfondimento Tosse grassa: quando non vuole passare.

Per via esterna, è utilizzata come antinfiammatorio e lenitivo delle mucose irritate. Per esempio, come collutorio dopo le estrazioni dentarie o nel caso di gengive particolarmente infiammate. Il decotto è usato per effettuare impacchi agli occhi nel caso di congiuntivite da fenomeni di raffreddamento e per lavaggi delle parti intime.

Ascolta anche il parere del nostro farmacista sul modo migliore per mandare via la tosse.

Come si usa

La malva si usa sotto forma di estratto secco nebulizzato e titolato in mucillagini totali (minimo 10%) alla dose di 700-1.000 milligrammi al giorno suddivisi in due somministrazioni, preferibilmente lontano dai pasti.

Può essere utilizzata anche la tintura madre preparata dalla pianta fresca e intera alla dose di 40 gocce tre volte al giorno, oppure l’infuso e il decotto, anche come colluttorio.

Effetti indesiderati

Non sono stati riscontrati effetti indesiderati, né segnalate particolari interazioni. Infine, non sono note controindicazioni.

Altri contenuti

Torna su