Medicina naturale

Scegli l'argomento della sezione

 

Fucus

Il fucus è un’alga particolamente ricca di iodio. È utilizzata per favorire la perdita di peso corporeo e per risolvere la stitichezza intestinale.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 4 minuti
Fucus proprietà

Che cos’è

Il Fucus (Fucus vesiculosus) o Quercia marina è un’alga dalle foglie appiattite e allungate, ricca di iodio, che cresce lungo le coste dei mari temperati e freddi dell’emisfero Nord e si ritrova in abbondanza nel canale della Manica.

In fitoterapia si usa il tallo, che corrisponde all’intero corpo vegetativo dell’alga, dopo essiccazione.

Per i problemi di stipsi si possono usare anche i prebiotici, sostanze naturali. Scopri quali sono leggendo questo articolo.

Le attività

Il Fucus è sfruttato per il suo elevato contenuto di iodio, elemento indispensabile per il corretto funzionamento della tiroide e per assicurare un metabolismo energetico efficiente.

Un insufficiente apporto alimentare di questo elemento impedisce, infatti, la produzione di adeguate quantità di ormoni tiroidei con comparsa di forme più o meno gravi di ipotiroidismo e alterazioni strutturali della ghiandola (gozzo, noduli eccetera).

Dal momento che gli ormoni tiroidei influenzano il metabolismo energetico, lo iodio ha un ruolo nel determinare l’efficienza nell’uso dei nutrienti da parte dell’organismo e nel favorire la perdita o l’aumento di peso corporeo.

Perché si usa

Il Fucus può essere utilizzato per favorire il dimagrimento nel contesto di una dieta ipocalorica bilanciata e abbinata all’attività fisica regolare in soggetti in sovrappeso od obesi.

La sua azione di stimolo particolarmente accentuata sul metabolismo lipidico lo rende utile anche per ridurre i livelli di colesterolo totale mentre l’attività ipoglicemizzante può contribuire a normalizzare i livelli di zuccheri nel sangue.

Gli alginati del Fucus inoltre agiscono a livello intestinale con un meccanismo di tipo meccanico osmotico: richiamano acqua nel lume favorendo l’idratazione delle feci. Ciò facilita la peristalsi, cioè il movimento delle pareti intestinali, e di conseguenza l’evacuazione.

Leggi anche l'articolo Stipsi, una risposta dalla natura.

Come si usa

Del Fucus si usa l’estratto secco nebulizzato titolato in iodio totale (minimo 0,05%) e in iodio legato a proteine (minimo 0,02%).

La dose media giornaliera da assumere è compresa tra i 600 e i 1000 mg di estratto secco titolato, da suddividere in due somministrazioni: una al risveglio, la seconda nel primo pomeriggio.

Effetti indesiderati

In genere, ai dosaggi consigliati, il Fucus è ben tollerato. Tuttavia, a causa della sua azione stimolante sulla tiroide, se assunto in quantità eccessive può causare un ipertiroidismo transitorio riconoscibile per la comparsa di tremori, irritabilità, tachicardia, insonnia e ipertensione arteriosa.

Inoltre, può determinare reazioni allergiche nei soggetti sensibili.

Precauzioni

Il Fucus è controindicato in chi soffre o ha sofferto di disturbi tiroidei di qualunque natura e, in particolare, di malattie associate a un’iperattività della ghiandola (per esempio, il morbo di Basedow).

Il suo impiego dovrebbe essere evitato anche da chi presenta una familiarità per patologie della tiroide, soprattutto tra i parenti di primo grado.

Inoltre, non devono assumere Fucus le persone cardiopatiche, specie se affette da aritmie che accelerano il ritmo cardiaco (tachicardie), fibrillazione atriale o ipertensione arteriosa.

Il suo impiego non è indicato in gravidanza né durante l’allattamento e non dovrebbe essere usato nei bambini, in particolare prima dei dieci anni.

Interazioni

Gli estratti di Fucus, al pari di qualunque alimento (per esempio il sale iodato) o integratore ricco di iodio, vanno evitati durante terapie che prevedono l’assunzione di ormoni tiroidei.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Antonello_sannia Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

Samanta_mazzocchi Samanta Mazzocchi
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Esistono rimedi naturali contro la stitichezza?

Stitichezza-abitudini-alimentari-e-soluzioni

Ecco i rimedi naturali contro la stitichezza che ci consiglia il farmacista.

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Sette trucchi per digerire meglio

  • Digerire_pranzo_stress

    Mangia con calma

    La fretta è il peggior nemico della digestione. Meglio prendersi il tempo necessario per mangiare e masticare con calma, boccone dopo boccone. Meglio evitare quindi il panino ingurgitato in fretta e furia al bancone del bar perché è il modo migliore per sentirlo andare su e giù per tutta la giornata. Se possibile, nella pausa pranzo, vanno evitate anche le fonti di stress. Quindi niente discussioni di lavoro, almeno a tavola.

  • Digestione_pantaloni

    Evita le cinture che “strizzano” la vita

    Almeno un merito la tanto vituperata moda dei pantaloni “a vita bassa” ce l’ha: lascia libero lo stomaco da inutili costrizioni, facendo appoggiare le cinture o fasce sui fianchi. Chi invece preferisce vestirsi in modo più classico deve orientarsi verso tagli più morbidi e tessuti meno rigidi. E le donne che indossano gonne o shorts e collant dovrebbero evitare di posizionare gli elastici proprio all’altezza dell’ombelico.

  • Digerire_fritto

    Stai lontano dai cibi grassi

    Fritti e condimenti a base di burro sono tra gli alimenti più difficili e lunghi da digerire. Lo stomaco deve lavorare un bel po’ prima di riuscire a smaltirli. Chi soffre di problemi digestivi deve quindi evitare, a pranzo e a cena, di mettere troppi grassi nel piatto.

  • Pennicchella_digestione

    No alla pennichella

    Dopo un pranzo abbondante, a volte anche dopo un pasto leggero, viene l’abbiocco. Non è nulla di grave: il sangue scorre copioso verso lo stomaco, per favorire la digestione, e diminuisce l’afflusso al cervello. Stanchezza, spossatezza, palpebre abbassate sono un fenomeno naturale. Meglio evitare però la classica pennichella se si fa fatica a digerire perché la posizione orizzontale e il sonno non facilitano il lavoro dello stomaco.

  • Acqua_digestione

    L’acqua frizzante non serve

    C’è chi pensa che l’acqua gassata aiuti a digerire. Sarebbe bello, ma in realtà è soltanto un’impressione. L'anidride carbonica non ha alcuna proprietà digestiva: le bollicine si limitano a dilatare lo stomaco, favorendo l'espulsione del gas. Ma questo non certo è sinonimo di digestione.

  • Digestione_freddo

    Niente sbalzi di temperatura dopo mangiato

    Anche il classico colpo d’aria allo stomaco, così come il tuffarsi in acqua, subito dopo un pasto è un deterrente alla digestione. Il freddo è un ostacolo al lavoro dello stomaco e se per alcune fortunate persone non cambia nulla, per quelli che soffrono di difficoltà digestive può rappresentare un problema.

  • Antiacido

    Un antiacido all’occorrenza

    Se dopo il pasto insorgono bruciori e dolori allo stomaco è molto probabile che ci sia un problema di iperacidità gastrica. Niente di grave, se succede di tanto in tanto. Nella gran parte dei casi può bastare un antiacido, di quelli che si comprano in farmacia senza ricetta medica. Si tratta di sostanze che reagiscono con l'acido cloridrico, neutralizzandolo. Si presentano sotto forma di compresse o granulati, come per esempio i preparati a base di carbonato di calcio e di magnesio. Neutralizzano rapidamente l'iperacidità e sono rimedi efficaci per facilitare la digestione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "PIANTE OFFICINALI"

Torna su