Medicina naturale

Scegli l'argomento della sezione

 

Cimicifuga racemosa

Indicazioni tipiche della cimicifuga racemosa sono disturbi del ciclo, come la sindrome premestruale e, soprattutto, la menopausa.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 5 minuti
Cimicifuga racemosa proprietà

Che cos’è

La Cimicifuga racemosa (Actaea racemosa) è una pianta erbacea perenne che, a completa fioritura, può raggiungere circa due metri di altezza. Appartiene alla famiglia delle Ranunculaceae.

È tipica delle zone parzialmente soleggiate e umide del Nord America. Qui, un tempo, era utilizzata dai nativi per la cura dei disturbi ginecologici e in caso di morsi di serpente.

Il nome deriva dal fatto che il suo forte odore allontana le cimici.

Le parti utilizzate sono le radici col rizoma raccolte in autunno.

Le attività

Sebbene l’esatto meccanismo d’azione della Cimicifuga racemosa non sia stato ancora ben chiarito, si ritiene che vari triterpenoidi possano essere coinvolti nell’attività farmacologica dei suoi estratti.

Questi includono acteina, cimifugoside, desossiacetilacteolo e 27-desossiacteina. Contiene poi anche flavonoidi, acido isoferulico e una percentuale piuttosto elevata di tannini.

L’azione prevalente, dal punto di vista clinico, è quella di tipo estrogenosimile, che si esplica in particolare nelle donne in menopausa (contrasta gli effetti sia vegetativi sia psicologici)

Riduce i marker di distruzione ossea e incrementava quelli di neoformazione.

Possiede anche azione antinfiammatoria e antidolorifica.

Quando si usa

Generalmente trova indicazione nella pre-menopausa e nella menopausa, riducendone i disturbi tipici.

Induce significativi miglioramenti sia dei sintomi neurovegetativi, come vampate di calore, sudorazioni, cefalea, vertigini, palpitazioni cardiache, sia in quelli psichici, quali nervosismo e irritabilità, disturbi del sonno e stati depressivi.

È indicata nella sindrome premestruale, nelle mestruazioni dolorose (dismenorrea) ed è in grado di favorire la regolarità del ciclo mestruale, trovando qundi indicazione anche nelle mestruazioni irregolari.

La tendenza della cimicifuga a ridurre i livelli di calcio e di fosforo nel sangue e favorisce l'aumento della massa ossea può renderla utile anche per combattere l'osteoporosi tipica della donna in menopausa.

Grazie alla attività analgesica e antinfiammatoria, la cimicifuga trova impiego anche nel trattamento di reumatismi e artrosi, nei dolori muscolari e nelle nevralgie conseguenti a fatti reumatici

Infine, dato che gli estratti di cimicifuga sembrano esercitare un effetto calmante sul sistema nervoso neurovegetativo, potrebbe trovare impiego anche nelle nevrosi.

Almeno una parte dell’azione clinica della cimicifuga può dipendere dalla sua capacità di attivare i recettori per gli oppioidi endogeni.

Come si usa

La forma migliore è l’estratto secco nebulizzato e titolato in glicosidi triterpenici espressi come 27-desossiacteina (minimo 2,5%).

La posologia giornaliera consigliata di questo estratto è di 0,6-1,0 mg/kg di peso corporeo, suddivisi in due somministrazioni preferibilmente lontano dai pasti.

Può essere reperita anche come decotto (dallo 0,3% al 2%) o la tintura madre.

Effetti indesiderati

Ai dosaggi terapeutici non sono stati segnalati effetti secondari tossici, neppure per trattamenti per periodi di tempo abbastanza lunghi.

E possibile, tuttavia, in soggetti sensibili e per dosaggi elevati, la comparsa di disturbi gastrici, mal di testa, vertigini.

Precauzioni

La Cimicifuga racemosa è stata associata alla comparsa di disturbi epatici; per tale motivo si sconsiglia di associare gli estratti della pianta ad altri farmaci o prodotti erboristici potenzialmente epatotossici.

È controindicata in gravidanza perché può aumentare la contrazione della muscolatura liscia uterina. Controindicata anche durante l’allattamento.

Interazioni

Poiché la Cimicifuga racemosa può esercitare un’azione estrogenica ed anti-LH, non è da escludere una possibile interazione farmacologica con i contraccettivi orali.

Tuttavia, a causa della mancanza di dati clinici pubblicati, allo stato attuale tale interazione è da considerarsi soltanto teorica.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Antonello_sannia Antonello Sannia
Endocrinologo, docente di Fitoterapia

Emilio_arisi Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Menopausa: conoscerla bene per gestirla al meglio

Cosa-e-menopausa

Scopriamo tutto sulla menopausa con Raffaella Chionna, ginecologa dell'ospedale San Raffaele di Milano.

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Mal di testa: le cause che non ti aspetti

  • Fotolia_55819234_s

    Dopo uno sforzo fisico eccessivo

    Si chiamano anche cefalee da sforzo e colpiscono soltanto le persone predisposte. In alcuni casi è sufficiente una corsetta al parco per scatenare il dolore. Altre volte insorge quando ci si sottopone a una fatica a cui non si è abituati. È tipico il caso di chi fa una vita sedentaria e deve fare uno sforzo inusuale, come per esempio un trasloco: sollevare scatoloni, portarli su e giù dalle scale può innescare questo tipo di cefalea. Meglio non sottovalutarlo e chiedere il parere del proprio medico di fiducia.

  • Fotolia_8402904_s

    Russamento, digrignamento e apnee notturne

    Se il mal di testa arriva al mattino è molto probabile che la causa sia da cercare nel nostro comportamento notturno. I problemi più comunemente associati a questo tipo di cefalea sono l’abitudine a russare, le apnee notturne, cioè l’assenza temporanea di respiro durante il sonno, e il digrignamento dei denti. In tutti questi casi è preferibile consultare un medico.

  • Fotolia_51123329_s

    Se l’amore fa male alla testa

    È sicuramente tra le cause più piacevoli del mal di testa. Può colpire sia gli uomini sia le donne e il dolore, in entrambi i casi, è proporzionale al piacere provato. Insorge nel bel mezzo dell’attività sessuale e culmina con l’orgasmo, per poi sparire subito dopo. È probabile che questo tipo di cefalea sia legata all’aumento della pressione arteriosa che inevitabilmente insorge quando si fa l’amore. In ogni caso è opportuno approfondire il problema con il medico di fiducia.

  • Fotolia_35123075_s

    Quando l’acqua va in riserva

    Anche la disidratazione, fenomeno che in genere succede in estate, può causare un attacco di mal di testa. In alcune persone basta una perdita di liquidi pari all’1 per cento del peso corporeo per scatenare la cefalea. Un buon motivo per bere tanta acqua ogni giorno.

  • Fotolia_48997326_s

    Influenza e febbre

    Un episodio di influenza porta sempre con se un rialzo febbrile, a volte lieve, altre volte più importante. Il mal di testa insorge, sembra, proprio a causa dell’aumento della temperatura corporea. Alcune persone ne soffrono di più, altre di meno. In ogni caso, i farmaci antinfiammatori non steroidei, come per esempio l’acido acetilsalicilico, usati comunemente per curare l’influenza, hanno anche un effetto antidolorifico, quindi spengono il dolore.

  • Fotolia_39563534_s

    Poco sonno, troppo sonno

    Il rapporto tra il sonno e il mal di testa è ambivalente: da un lato chi non dorme molte ore rischia di trovarsi, il giorno dopo, un bel cerchio alla testa. Ma lo stesso dolore può insorgere se, al contrario, si va a letto alle nove e ci si alza a mezzogiorno. Dormire troppo o troppo poco hanno un effetto nefasto sulla nostra testa. Meglio tenerlo sempre presente.

  • Fotolia_55729876_s

    Raffreddore e sinusite

    Il naso chiuso, per un raffreddore o un allergia, può dare mal di testa. Ma è soprattutto la sinusite, quando cioè si infiammano i seni paranasali che abbiamo negli zigomi e sulla fronte, la causa più comune di cefalea. Se per curare il comune raffreddore virale basta andare in farmacia, per la sinusite e un’allergia è preferibile rivolgersi al proprio medico.

  • Fotolia_48802916_s

    Se alzi troppo il gomito

    Dopo una forte bevuta non è raro soffrire di mal di testa. Il principale responsabile è l’etanolo: viene smaltito nel fegato, ma se la quantità introdotta è superiore a quella che il metabolismo epatico riesce a eliminare, può insorgere nausea e mal di testa. Oltre a un antidolorifico, è opportuno bere molta acqua per aiutare l’organismo a liberarsi dell’etanolo.

  • Fotolia_51304458_s

    Difetti della vista che danno alla testa

    Non vederci bene, da vicino o da lontano, può comportare fastidiosi mal di testa. È soprattutto alla sera, dopo una giornata passata a studiare o lavorare, che insorge di solito questo tipo di cefalea. Per questo è utile, quando si ha il sospetto di un difetto visivo, farsi visitare da un oculista.

  • Fotolia_53441576_s

    Quando cala lo stress

    Chiamato anche mal di testa da weekend, è tipico di chi lavora moltissimo da lunedì a venerdì e al sabato mattina, non appena la tensione cala, si deve arrendere alla cefalea. Non esiste ancora una spiegazione esauriente di questo fenomeno, sembra però che la colpa sia del calo improvviso dello stress, che non permette all’organismo di adattarsi alle nuove, e in teoria più piacevoli, condizioni. In questi casi, oltre a rivolgersi al proprio medico, potrebbe essere utile evitare di sobbarcarsi di lavoro il venerdì, così da cominciare ad allentare le tensioni in vista del weekend.

  • Fotolia_31793079_s

    Troppo tempo davanti al computer

    Anche la normativa italiana sulla sicurezza sul posto di lavoro dice che ogni due davanti a uno schermo bisogna fare una pausa di 15 minuti. Tra i vari problemi a cui si può andare incontro se si sta troppo davanti al pc c’è anche il mal di testa. Quando ci si accorge del problema occorre rivedere alcune cose, come per esempio l’altezza dello schermo, della sedia e della scrivania, la posizione di mouse e tastiera.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "PIANTE OFFICINALI"

Torna su