pubblicità

Medicina naturale

Scegli l'argomento della sezione

 

Articolo

Arnica

Che cos’è

L'Arnica montana è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Composite che cresce spontaneamente nelle regioni alpine e prealpine. I fiori, completamente gialli e a forma di margherita sono la parte utilizzata in fitoterapia.

Le attività

I principi attivi contenuti nell'arnica (flavonoidi, triterpeni, lattoni sesquiterpenici e olio essenziale) le conferiscono proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, antidolorifiche e stimolanti la circolazione, ma deve essere utilizzata solo per via esterna.

Oltre a ridurre il dolore dovuto a traumi quali urti e cadute, favorisce anche il riassorbimento dei lividi.

Per approfondire l'argomento: Edemi ed ematomi, perché è meglio intervenire subito.

Perché si usa

È utile in caso di ditorsioni, slogature, contusioni, ematomi e flebiti superficiali. Inoltre può essere usata contro i dolori muscolari e articolari, gli edemi da frattura e le emorroidi.

Grazie alle sue proprietà antisettiche trova impiego anche nelle infiammazioni della pelle e per trattare localmente foruncoli e punture di insetto.

Un utente ha rivolto al nostro esperto sull'impiego dell'Arnica montana in omeopatia. Leggi la risposta.

Come si usa

Dai fiori si ottiene l'estratto secco titolato in rutina minimo 1%, destinato al solo uso esterno.

L'arnica è utilizzata soprattutto sotto forma di pomate, creme o gel, l'ingestione è controindicata a causa dei possibili effetti collaterali.

Effetti indesiderati

Se ingerita l'arnica può provocare disturbi al fegato, gastriti, nausea, vomito, enterocoliti, cefalea, ipotensione arteriosa e palpitazioni. Nei soggetti sensibili può causare dermatite da contatto.

Precauzioni

Creme e pomate non devono essere utilizzate sulla cute lesionata o in caso di dermatite. L'uso in gravidanza e durante allattamento è sconsigliato.

Nel caso in cui si acquistino i fiori è necessario controllare che al loro interno non ci siano le larve della cosiddetta mosca dell'arnica.

Interazioni

Non sono note interazioni con farmaci o altre piante.

Potrebbe interessarti anche l'articolo Gomito del tennista.

Altri contenuti

Torna su