Disturbi e patologie

Scegli l'argomento della sezione

 

Colpo della strega

È come una bastonata sulla schiena, che può bloccare l'intera colonna vertebrale.
Ico_tempolettura Tempo di lettura: 3 minuti
Colpo della strega sintomi terapie

Che cos’è

Il colpo della strega è una improvvisa e dolorosa contrattura muscolare che interessa la schiena, fino ad arrivare a un blocco dell’intera colonna. Chi ne ha sofferto la descrive come una bastonata a livello lombare, cioè la parte bassa della schiena (lombalgia acuta).

Si verifica quando le terminazioni nervose che avvolgono le giunzioni delle vertebre lombari vengono irritate da un movimento brusco, con conseguente contrattura dei muscoli paravertebrali.

Le cause

Le cause più frequenti per le quali si verifica il colpo della strega sono:

  • uno sforzo eccessivo
  • un piegamento rapido della colonna vertebrale
  • una torsione improvvisa del busto

Spesso il dolore insorge quando si compiono questi movimenti improvvisi dopo avere mantenuto per ore la stessa posizione.

Anche il freddo eccessivo può essere una condizione che favorisce l’insorgenza del colpo della strega.

Prevenzione

Chi soffre di questo disturbo con una certa frequenza dovrebbe evitare di assumere posizioni innaturali per lungo tempo, come per esempio restare chini sulla scrivania.

Si sono dimostrate utili, in questi casi, sedute di fisioterapia specifiche, che aiutano a tonificare la muscolatura della schiena.

Anche lo stretching può essere utile perché aiuta a decontrarre i muscoli della colonna vertebrale e degli arti inferiori.

Infine si sono dimostrate efficaci, sempre ai fini della prevenzione, le cure termali, quali la fangoterapia, soprattutto in autunno e primavera.

Cure e terapie

La prima cosa da fare, quando insorge il colpo della strega, è distendersi a letto. L’ideale è rimanere coricati per almeno 24-48 ore.

Meglio non superare i due giorni di posizione sdraiata, dal momento che la muscolatura tenderebbe a indebolirsi, non riuscendo più a sopportare le sollecitazioni a cui normalmente viene sottoposta.

Oltre al riposo assoluto sono utili i farmaci miorilassanti e gli antidolorifici per eliminare il sintomo doloroso.

Indicati per questo disturbo sono anche i cerotti a lento rilascio di antinfiammatori per uso topico, come per esempio quelli a base di diclofenac.

Anche quelli a base di ibuprofene sale di lisina al 10% sono molto usati perché garantiscono un buon livello di assorbimento riducendo di molto il rischio di effetti collaterali.

Applicati esternamente, infatti, questi Fans non arrivano, se non in piccole quantità, nel torrente circolatorio e quindi danno pochi effetti collaterali generali. In più raggiugono concentrazioni elevate a livello del sito d'azione, ossia il muscolo infiammato e dolorante.

Una volta passato il dolore (fase acuta) è opportuno sottoporsi a sedute di fisioterapia per decontrarre i muscoli.

VIDEO

Antidolorifici, conoscerli per usarli al meglio

Foto_corrado_giua

Ne esistono diversi tipi e non tutti agiscono alo stesso modo. Intervista al farmacologo Corrado Giua.

LEGGI TUTTO

Fotogallery

Gli sport per il mal di schiena

  • Fotolia_30337491_s

    Al ritmo del tango

    In alcuni ospedali si pratica addirittura la tangoterapia, cioè ballare sulle note di questa avvincente musica per migliorare il mal di schiena. È appurato infatti che il tango rinforza i muscoli centrali della schiena e quelli dei glutei. Inoltre aumenta la flessibilità del tronco. Andrebbe fatto due volte alla settimana per almeno 45 minuti. Fare attenzione ai movimenti bruschi se non si è allenati.

  • Fotolia_41978497_s

    Nuoto: miglior alleato della colonna

    È lo sport ideale per chi soffre di lombalgia perché scarica le tensioni nervose, rinforza i muscoli di tutto il corpo senza sovraccaricare la colonna con il peso del corpo. E poi distende bene la schiena. Andrebbe praticato due o tre volte alla settimana.

  • Fotolia_54137304_s

    Camminare di buon passo

    Basta mezz’ora al giorno di camminata veloce, in città o in campagna. L’unica cosa da evitare sono i tacchi alti per le donne, dal momento che non fanno bene alla schiena. Passeggiare consente di rinforzare i muscoli della colonna e di tonificarli. In molti casi, è il modo più semplice di risolvere i piccoli problemi di lombalgia.

  • Fotolia_4502258_s

    Acquagym per tutti

    È un’attività che va bene per tutti: si deve praticare due o tre volte alla settimana per poterne apprezzare i benefici a livello della schiena. L’acquagym tonifica la muscolatura delle gambe e della schiena senza esporre quest’ultima a sforzi eccessivi: quando siamo dentro l’acqua infatti il carico sulla colonna si riduce notevolmente.

  • Fotolia_3396419_s

    Spada o fioretto se hai problemi di postura

    Solo chi ha problemi di mal di schiena legati alla postura riesce a trarre beneficio dalla scherma o dal fioretto. Occorre avere, naturalmente, una buona preparazione atletica e l’allenamento deve essere abbastanza frequente. È un valido alleato della schiena perché, praticandolo, siamo costretti a cercare costantemente un buon equilibrio e una postura corretta, per poter fronteggiare l’avversario.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI "DISTURBI E PATOLOGIE"

Torna su